Addio Fabrizio Frizzi

Grazie Fabrizio per tutto l’amore che ci hai donato

Carlotta Mantonvan

Fabrizio Frizzi è nato a Roma il 5 Febbraio del 1968.

Tutti lo ricordiamo come il conduttore televisivo per la sua simpatia e semplicità.

Molti sono i suoi programmi da ricordare oltre 73!

 

Il suo esordio però risale nel 1981 con “Il barattolo“nella seconda rete Rai.

Nel 1982 conduce “Tandem” con Enza Sampò: in quell’occasione, conosce Rita Dalla Chiesa.

La coppia si separerà nel 1998: siccome Frizzi, proprio nel ’98, e poi nel ’99, conduce con Romina Power Per tutta la vita, un programma dedicato alle storie di fidanzati in procinto di sposarsi, lavora per l’intera durata della trasmissione con evidente imbarazzo.

Dal 1988, Frizzi ha condotto  tre edizioni di “Europa Europa con Elisabetta Gardini, “I fatti vostri“; ma la  trasmissione per cui viene ricordato di più è sicuramente  “Miss Italia“.

Ne ha condotte la bellezza di 16 edizioni!

Ma presentò anche “Cominciamo bene”, con Elsa Di Gati;  dal 1991 al 1995, fu al timone di “Scommettiamo che”. Poi programmi come “Luna park”; “I soliti ignoti” e tanti altri.

Non possiamo dimenticarlo ne come ballerino e come pianista ma tanto meno come doppiatore.Fabrizio frizzi

Nel 2002 conobbe  Carlotta Mantovan, dalla quale ha avuto la figlia Stella che ha 5 anni.

Ricordiamo che già  il 23 ottobre scorso il conduttore tv , durante Fabrizio Frizzi, durante la registrazione di una puntata del programma “L’Eredità”venne colto da un malore, una ischemia.

Fu subito portato  al Policlinico Umberto I di Roma dove fu dimesso alcuni giorni dopo.

Ma già qualche mese dopo Fabrizio Frizzi tornò in tv  alla guida del programma di RaiUno: “L’Eredità”.

Con Vincenzo Mollica scherzò annunciando il suo ritorno sugli schermi: “E’ una gioia, fa bene anche al fisico.L’adrenalina sento che mi aiuta a stare meglio”.

Questa volta però la corsa all’ ospedale al Sant’Andrea a Roma per un’emorragia cerebrale non è servita.

Ciao Fabrizio!

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *