Come gestire i capelli secchi e sfibrati

 

Mi capita spesso di avere i capelli sfibrati, deboli e che si riempiono di doppie punte: a voi no?

Amo molto le lunghezze dei miei capelli solo che quando si sfibrano e compaiono le doppie punte, chiaro indice di debolezza, diventa un problema: i capelli diventano più brutti, opachi e appaiono come non in salute.

Fino a non molto tempo fa pensavo che l’unica soluzione possibile fosse tagliare, tagliare e ancora tagliare; poi però mi sono decisa a fare quattro chiacchiere con il mio parrucchiere di fiducia e… leggete un po’ quello che ho scoperto! Scommetto che interesserà a molte.

Perché i miei capelli si sfibrano?

Questa è stata la primissima domanda posta al mio parrucchiere di fiducia e la risposta è stata meno scontata di quello che prevedevo!

La prima causa di fragilità capillare è l’inquinamento ambientale: non solo quello derivante dagli scarichi delle autovetture e dei riscaldamenti domestici, ma anche quello che ci creiamo noi stesse, stressando i nostri capelli con tinte troppo aggressive, permanenti, piastre, phon a temperatura troppo alta e… persino l’acqua che usiamo per lavarli e sciacquarli!

Molto spesso l’acqua dei nostri rubinetti è troppo calcarea e questo danneggia i capelli: se anche voi avete dei capelli fragili, l’ideale sarebbe sciacquarli di tanto in tanto con l’acqua delle bottiglie, dopo averli lavati ed aver applicato il balsamo o la crema.

Da non dimenticare che, purtroppo, ci sono anche alcuni disturbi che causano fragilità capillare: tra esse l’ipotiroidismo e l’anemia.

Quindi se vedete che i vostri capelli diventano improvvisamente fragili e perdono lucentezza, dopo aver escluso le cause più comuni e frequenti, magari potrebbe essere il caso di parlarne con il medico di famiglia.

Lo sapevate che anche perdere tanto peso può comportare fragilità capillare?

Non lo avrei mai detto, ma è così. Non si tratta di buttar giù quei due o tre chiletti antipatici che puntualmente si ripresentano e contro cui tutte combattiamo spesso e volentieri; sto parlando di un calo ponderale importante, oltre i 15-20 kg: in questo caso anche i capelli ne risentono ed è bene proteggerli adeguatamente.

Aiuto! Ho i capelli fragili, come faccio?

Soffrendo io stessa di capelli fragili, sono andata a “caccia di consigli” e voglio condividerli con voi.

Come sappiamo tutte, le tinture aggressive non sono un toccasana per i nostri capelli: sarebbe opportuno utilizzare tinte naturali e limitarsi a farla ogni 40 giorni circa.

Inoltre alcuni prodotti per capelli, parlo di quelli da supermercato, a volte contengono sostanze dannose, che li rendono opachi e poco sani: quindi se utilizzaste dei prodotti delicati e che contengano sostanze nutrienti, come ad esempio il burro di karité, e vi limitaste a lavare le vostre chiome un paio di volte la settimana, vi garantisco che ne trarrete beneficio! Ricordatevi anche, quando asciugate i vostri capelli, di limitare l’uso delle piastre e dei ferri arricciacapelli, aiutandovi nella loro protezione mediante l’utilizzo di spray specifici; il phon sarebbe bene usarlo a basse temperature, così da non stressare la chioma.

Passiamo ora alle terapie per via orale.

Sì perché la salute dei nostri capelli può essere migliorata anche assumendo degli integratori, che insieme a un’alimentazione ricca di frutta e verdura possono veramente fare la differenza!

Tra le possibilità a disposizione vi consiglio di valutare un integratore a base di cronobiogenina, una formula particolarmente ricca contenuta in molti integratori a bustine come ad esempio quelli di Bioscalin. Questa formula mira a rafforzare i capelli, consentendo l’allungamento del loro ciclo di vita. Vedrete che la vostra chioma ritroverà una seconda vita!

Dedicate loro un po’ del vostro tempo!

Avete un po’ di tempo a vostra disposizione per coccolarvi e prendervi cura dei vostri capelli?

Via con le maschere nutritive fai-da-te!

Sono semplici rimedi della nonna, ma sono infallibili: potete scegliere tra una maschera con l’olio di oliva appena intiepidito (pochissimi secondi in microonde, mi raccomando! Non deve essere bollente, solo leggermente più tiepido della temperatura ambiente) oppure una maschera fatta con le uova: entrambi questi prodotti sono ricchissimi di nutrienti che fanno molto bene alle nostre chiome.

Basta applicare l’uno o le altre sui capelli partendo dalle radici sino ad arrivare alle punte; massaggiare per una decina di minuti e lasciar in posa un’oretta.

Trascorso il tempo, dovrete sciacquarvi la chioma con semplice acqua tiepida e poi potrete procedere con il lavaggio, utilizzando il vostro shampoo delicato preferito.

Che stress i nodi!

Io, per districare le ciocche “arrabbiate” – così le definisco scherzosamente – faccio uso di una apposita spazzola districa-nodi: almeno non mi tira i capelli e non mi faccio male.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *