I cento colori del blu

Oggi vi proponiamo la recensione di Rita, in rete la conosciamo per le sue meravigliose foto: lei è  Ritaz_74.

 

I cento colori del blu é un libro che ho amato già dalle prime righe e man mano che andavo avanti nella lettura non riuscivo a smettere.

Racconta la storia di Blue una bambina di due anni di cui non si conosce la sua vera età ed il suo vero nome, abbandonata dalla giovane madre in circostanze misteriose.
Viene trovata da un uomo in un’area di servizio che la prende con sé occupandosi di lei come meglio poteva, é lui che le da il nomignolo “Blue” per via dei suoi grandi occhi azzurri.
Mi sono intenerita a ripercorrere la sua infanzia, e dispiaciuta per il suo presente.
Blue é una ragazza ribelle di diciannove anni, che nasconde le sue fragilità dietro jeans attillati e trucco pesante,una ragazza che già a prima vista viene subito additata come ragazza facile e Bulletta,solo con l’arrivo del giovane professore di storia Darcy Wilson, che la sprona a parlare di sé, riesce a guardarsi dentro e cercare di scoprire le sue vere origini.
Non é la classica storia d’amore tra professore e studentessa, inizialmente nasce un rapporto conflittuale tra Blue e Darcy pieno di battibecchi, poi si crea una particolare amicizia fatta di strani sguardi e piccoli momenti pieni di tenerezza che poi in seguito il loro legame cresce e si trasforma in una storia d’amore, così reale, bella e complicata.
Il racconto é un susseguirsi di momenti davvero drammatici al limite delle lacrime, scelte difficili a volte di forte impatto emotivo, vengono trattati argomenti come la nascita e poi l’adozione, cercando di far capire i vari punti di vita dei personaggi.
La voglia di riscatto di Blue é tanta e……..ora non vi resta che leggere il libro!
Insomma non posso fare altro che consigliare la lettura di questo libro e di amarlo fino all’ultima pagina!

Se hai voglia di condividere con noi la tua recensione inviaci una mail a info@womoms.com

20140518-230050-82850839.jpg

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *