Il mio ho detto si: i preparativi, i dettagli

Il matrimonio di Alessandra.

12814745_10153318017006227_8220493345905137402_n

Andrea mi ha chiesto di sposarlo la notte tra il 12 e il 13 Luglio 2014 in spiaggia  ad Anzio (Roma) e mentre mi faceva un grandissimo discorso e io che mi lamentavo del freddo, quindi non lo ascoltavo, lui dalla tasca ha fatto uscire la scatola con l’anello di fidanzamento e mentre me lo porgeva mi domandava “Alessandra, mi vuoi sposare?!”. 

Da lì abbiamo iniziato ad ipotizzare la data del matrimonio e dove sposarci: la cosa non era per nulla facile!

Abbiamo deciso per il 30 Maggio 2015 perché ricordava la prima telefonata vera e propria tra noi e perché tutti i nostri invitati potevano partecipare al nostro matrimonio, ovunque si sarebbe celebrato visto che era a cavallo di un ponte e ci piaceva l’idea di poter stare un po’ con loro.

11057778_10152842174736227_3840110881000588214_n

Dove sposarci visto che io abito a Padova e Andrea a Roma? In un primo momento volevamo sposarci in Toscana, poi nel Lazio ed infine abbiamo deciso per la mia regione: il Veneto.
Dopo aver visto tantissimi siti per guardare la location, ho proposto ad Andrea Castelbrando , un castello situato in un bellissimo borgo in provincia di Treviso. Lo conoscevo già perché anni fa ero andata ad una festa e me ne ero innamorata. Era esattamente poi quello che volevamo: un luogo magico, romantico ed immerso nella natura.

Io e Andrea abbiamo gli stessi gusti quindi avevamo le idee molto chiare per il nostro matrimonio. Lo volevamo semplice, romantico, color  verde salvia, precisamente colore PANTONE 15-6114 Hemlock.

L’idea principale era quella di creare una giornata unica, speciale, ma soprattutto divertente per noi e per i nostri invitati. Volevamo veramente condividere con tutti i nostri invitati la nostra felicità.

11094856_10153374222756227_1594671447012335871_n

Le nostre foto sono state scattate dalla mia amica- fotografa IRENE CESARO e da GIANLUCA SAMBO, che hanno cercato di creare un’atmosfera romantica ma molto spontanea nelle sale e nel giardino del Castello. Sono enormemente grata a loro perché  hanno saputo catturare ogni dettaglio, senza essere mai  invadenti e  mettendoci completamente a nostro agio. Ci siamo divertiti, diciamolo!

Io e Andrea abbiamo cercato di curare il più possibile i dettagli, creandoli proprio noi e in tutto questo la nostra guru è stata REBECCA di SPOSIAMOCI RISPARMIANDO. Il suo sito per noi è stata fonte di ispirazioni e di consigli.12931110_10153374233811227_2124031240745502757_n

Il mio abito è stato acquistato da ANNA SPOSE, ho scelto l’abito che più mi rappresentava in pieno: semplice e romantico nello stesso momento. Disegnato dalla bravissima MICHELA MONTINI che ha capito subito quello che volevo e che desideravo, ma soprattuto ha portato tantissima pazienza visto che ogni appuntamento doveva essere rinviato perché mia madre era in missione.

12931176_10153374165166227_7244688103608187944_n

12916943_10153374173476227_1429562526963366781_o

Le mie scarpe un classico modello di MIUMIU, che posso indossare sempre. L’intimo comprato da Intimissimi e le autoreggenti ( prendete due paia per varie ed eventuali) da Calzedonia.

12932582_10153374170181227_6845306452112714965_n

Il trucco è stato eseguito da PAOLA, beauty reporter di Glamour, senza aver mai fatto una prova. Sapeva che volevo un trucco semplice. Abbiamo usato solo il rossetto Shine lover n.120 di Lancome.

La mia acconciatura è stata fatta da ALESSIA, di ZONA BEAUTY:  una treccia molto morbida raccolta da un lato, pensate che è stata fatta la sera prima del matrimonio ed è durata e conferiva proprio l’affetto desiderato!

12512724_10153374164576227_3831565835190954617_n

Trovare il vestito di Andrea, invece, è stato problematico perché volevamo un vestito non da cerimonia ma un vestito classico che poteva essere utilizzato anche in altre occasioni. Andrea alla fine ha deciso per un vestito di Giorgio Armani. La cravatta invece l’ho comprata io perché non mi fidavo e ho preso una classica cravatta di Hermes.

12494691_10153374174621227_6848296798174469692_n

Mariavittoria, la nostra damigella, aveva un vestito bianco di ELSY  accompagnate da un paio di ballerine bianche e un vestito per giocare di DESIGUAL accompagnate invece da un paio di sneakers in jeans della Geox. La sua acconciatura era una treccia morbida con una coroncina, pensate che era la  stessa coroncina bianca che ho indossato io per la prima comunione.

11330041_10152782059361227_7502995467559116809_n

Le partecipazioni di nozze e il libretto del rito sono stati creati e curati dalla bravissima ALICE di WEDDING BAGS SERIGRAFIC.

La forma quadrata, il colore del carattere verde salvia, lo spago in corda, doveva dare quella sensazione di semplicità  e dobbiamo dire che Alice è stata veramente fantastica con tutti i suoi preziosissimi consigli.12524396_10153374180101227_3716808245107440458_n

Gli unici fiori presenti al nostro matrimonio erano il mio bouquet, un centro tavola per il tavolo del rito e bouttonnière per lo sposo, testimoni e i nostri padri. Sappiate che ho odiato tutti questi fiori perché non c’era nulla che fosse quello che volevo ma in fin dei conti se ne doveva occupare Andrea da Roma.

12717985_10153374192526227_3747847786006886179_n

Quando ho visto il bouquet c’è stato un momento di isterismo puro, dove le mie amiche hanno cercato di rimediare.

11250025_10152815742991227_5197711564468597176_n

Come portafedi non abbiamo usato il classico  cuscinetto  ma abbiamo usato un piccolo vassoio d’argento che legava le fedi con un nastro color verde salvia.

Il  tableau mariage che abbiamo deciso di fare richiamava il nome delle piante aromatiche che più ci piacevano, i tavoli erano 10, il nostro tavolo comprendeva anche i nostri testimoni di nozze ed era quello più grande.

11430090_10152842176486227_8376131843643320535_n

12919638_10153374177486227_6759499042778496490_n

I segnaposto era composto da un tag e da un nastro verde salvia dove abbiamo scritto dei titoli di canzoni che ci piacevano (l’intenzione era quello di far cantare i nostri invitati, qualcuno ha osato e la sottoscritta, con l’aiuto delle testimoni, abbiamo cantato SE TELEFONANDO) e delle frasi; sul nostro tavolo c’erano anche dei disegni fatti da Mariavittoria che ritraeva la nostra FAMIGLIA, anche questi erano legati con il nastro con il colore del nostro matrimonio. E’ stato un modo per coinvolgerla.

Il guest-book è stato creato da noi, un quaderno preso da Tiger e personalizzato da noi: gli invitati potevano scrivere direttamente oppure  potevano mettere anche dei cuoricini post-it .

12321536_10153374199051227_3612179455822060581_n

E’ stato creato l’angolo bambini ( di bambini ce ne erano 3!): colori e fogli, bolle di sapone, un tappeto per poter stare a terra, pasta da modellare. Mariavittoria ha scelto quello che voleva per il suo angolo. 1936341_10153374202676227_8443187404602190540_n

Per i nostri ospiti è stato creato l’angolo photo booth: una cornice bianca presa da Ikea, occhiali grandi, naso rosso, spade giocattoli, bacchette magiche, coroncine, collane con fiori, papillon grandi e colorati: tantissimi accessori super colorati.

Rito e ricevimento ne parlo nel prossimo post!

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

2 Comments

Add Yours
  1. 1
    Rebecca la sposa oculata

    Ciao Alessandra, che belli che eravate! Grazie per aver nominato “Sposiamoci risparmiando” tra i tuoi crediti, non sai che piacere esserti stata d’aiuto! Addirittura “guru”… Grazie, grazie, grazie! Vi auguro ogni bene e tanta tanta felicità!
    Un grosso abbraccio
    Rebecca – La sposa oculata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *