MegaBus

UnknownUn euro per viaggiare lungo tutta la Penisola, con una flotta di 100 mezzi. Così si presenta MegaBus , il servizio di viaggi in autobus low-cost leader in Europa, che sbarca nel nostro paese e fa segnare subito un primato, con oltre 30 mila biglietti venduti nella prima settimana, record tra i Paesi serviti dalla compagnia.

Per il momento si possono raggiungere tredici tra le principali città italiane, con un servizio di qualità che prevede  aria condizionata e wifi gratuito a bordo.

Fino al 28 giugno tutti i biglietti, acquistabili on line con carta di credito, costeranno un euro, più 50 centesimi per la prenotazione. Successivamente le tariffe dipenderanno dalla data di prenotazione. Quindi avete ancora un po’ di tempo per comprare i biglietti a prezzi super stracciati!
«La media europea è di 15 euro», spiega Carlo Baggiani, development director di Megabus per l’Italia. Attualmente la flotta è composta da 23 autobus, ognuno dei quali può trasportare fino a 87 passeggeri. Proprio grazie alla maggiore capacità dei mezzi, il network è in grado di offrire tariffe più convenienti. Al momento sono disponibili le corse interregionali tra Roma, Milano, Firenze, Venezia, Napoli, Torino, Bologna, Verona, Padova, Siena, Genova, Sarzana (La Spezia) e Pisa, per un totale di 24 partenze al giorno. Da Napoli partiranno due autobus al giorno per Torino, Milano e Venezia, con tappe intermedie a Roma, Firenze, Bologna e Padova. L’azienda sta investendo in Italia con la creazione di 100 posti di lavoro, dislocati tra le basi di Bergamo e Firenze.
Megabus è partito nel 2003 in Gran Bretagna e fa parte del gruppo Stagecoach, nato in Scozia nel 1980 e che oggi conta 38 mila dipendenti e 13 mila mezzi tra autobus, tram, treni e metropolitane. Il maggior successo è arrivato nel 2006 in Canada e negli Stati Uniti. Oggi lo sbarco in Italia, dove «non esiste un’offerta low cost sulle tratte intercity e le altre tratte collegano solitamente i piccoli paesi alle grandi città».

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *