Pink Floyd Exhibition: their mortal remains – Roma 2018

Pink Floyd Exhibition: their mortal remains. la mostra sold out di Londra, termina a Roma il 27 maggio 2018!

Pink Floyd Exhibition

“Chiedi chi erano i Beatles” cantavano negli 80’s gli Stadio. Oggi, vista la desolazione dell’offerta musicale, potremo replicare con “Chiedi chi erano i Led Zeppelin o gli Who…“,  oppure “Chiedi chi erano i PINK FLOYD”!

Detto fatto: Roger Waters, David Gilmour, Richard Wright e Nick Mason. Genere di appartenenza psychedelic rock  ovvero tutto ciò che negli anni ’70 poteva produrre il connubio di musica, arte visiva e… un pizzico di allucinogeni.

Il risultato più famoso? Beh in primis The Dark side of the moon classe 1971, in classifica per 741 settimane, dagli anni 70 appunto fino al 1988.

Premesso ciò, l’anno scorso io e mio marito sull’onda emotiva della mostra su David Bowie, decidiamo di partire alla volta di Londra per visitare la Pink Floyd Exhibition in settembre. Just a weekend!

Pink Floyd Exhibition

Eccoci qua quindi, davanti ai Pink Floyd, inseguendo lui i suoi idoli di gioventù, io un mito musicale che ho imparato a conoscere con gli anni.

Per questa toccata e fuga abbiamo prenotato un hotel in zona Knightsbridge, comodo per la vicinanza al Victoria & Albert Museum, location della mostra.
A circa venti minuti a piedi dal nostro hotel ci incamminiamo verso la Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains. Biglietti presi poco prima del sold out in primavera!

Arriviamo all’ingresso e veniamo incantati subito da un mega cartellone all’esterno che ci fa ricordare i colori psichedelici di The Dark side of the Moon.

Inizia il percorso suddiviso nelle varie epoche che hanno vissuto e attraversato i Pink Floyd, il gruppo che si formò negli anni sessanta in piena rivoluzione psichedelica. Syd Barret, visionario innovatore del rock psichedelico, era ancora nel gruppo.

Cimeli, quadri, fotografie, stralci di opere testuali dalle quali il gruppo aveva iniziato a prendere spunto per creare quelli che poi furono i capolavori del tempo: See Emily Play e Astronomy Domine.

Pink Floyd Exhibition

Ma il patrimonio inestimabile è sicuramente quello prodotto negli anni 70: Syd Barret per dichiarati down fisici e mentali lasciò il posto ad un giovane David Gilmour.

I video delle canzoni vengono proiettati parallelamente a interviste che descrivono i backstage ed il tessuto storico che le partoriva. Parte integrante della mostra sono gli strumenti musicali, in primis le chitarre di Gilmour.

Pink Floyd Exhibition
Le chitarre della band

La Pink Floyd Exhibition è un viaggio soprattutto multisensoriale e visivo di tutta la carriera del gruppo rock di sempre.

E’ stata ideata dal grafico Storm Thorgerson (ideò le copertine storiche tra cui The Dark Side Of The Moon) insieme a Aubrey ‘Po’ Powell dello studio Hipgnosis, che ha lavorato in stretta collaborazione con Nick Mason, batterista della band.

Pink Floyd Exhibition

Questo viaggio mi ha aiutato a capire meglio chi fosse questa band musicale che ha decisamente lasciato il segno nella storia musicale.

Piacerebbe anche a voi vederla… in Italia magari?

Dopo il sold out al Victoria & Albert Museum di Londra, la mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains è arrivata in Italia a gennaio 2018 ed ha termine questo fine settimana: il 27 maggio 2018.

Dove?

Al “MACRO“, il Museo D’Arte Contemporanea di Roma!

Cosa aspettate? Non perdetevela, fate ancora in tempo!

Francesca Cirianni

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *