Lilith, il primo vampiro della storia

Lilith
Lilith nel manierismo fin de siècle del pittore inglese preraffaellita John Collier, 1892

I primi vampiri della storia furono … donne?

Eh si, voi non ci crederete ma il primo vampiro della storia, stando a tantissime culture e religioni del mondo, fu proprio una donna, Lilith per la precisione.

Nella figura di Lilith si specchiano anche altre creature demoniache come la greca e serpentina figura di Lamia,in parte umana e in parte animale, rapitrice di bambini o fantasma seduttore che adescava giovani uomini per poi nutrirsi del loro sangue e dei loro fluidi vitali. Sempre dalla mitologia greca abbiamo le Mormos le cui vittime predilette erano i bambini.

Dall’antica Roma abbiamo le Striges, per l’appunto, vampiri femmina… .

La storia di Lilith.

Lilith, figura presente nelle antiche religioni mesopotamiche, era un demone legato al vento e alla tempesta. Nella mitologia sumero-accadica Lilith è il nome della vergine nera dalle sembianze di un serpente che trova dimora nel tronco di un albero piantato dalla dea Inanna e messa in fuga dall’Eroe Gilgamesh.

Un serpente dunque, vi ricorda qualcosa?

Nelle tradizioni ebraiche essa venne creata da Dio come prima moglie di Adamo. Lilith non volendosi sottomettere al volere dell’uomo gridò il nome di Dio. Enormi ali da pipistrello le spuntarono facendole spiccare il volo fuori dal Giardino dell’Eden. Detestando Eva, che prese il suo posto, e la sua prole, divenne un demone notturno assetato di sangue e divoratrice di neonati.

In un antico e misterioso testo chiamato Il libro di Nod, il libro dei Vampiri, il mito racconta che Caino, maledetto da Dio per aver ucciso suo fratello Abele, esiliato ai margini della civiltà, vagando affamato e infreddolito, temendo il sole e assetato di sangue, incontrò una potente strega chiamata Lilith, anche lei esiliata, prima moglie di Adamo, la quale gli insegnò come usare il proprio sangue per compiere prodigiose magie.

 

Jessica I.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *