A Parigi debutta Rani Zakhem

Nella settimana della moda parigina ha debuttato il designer Rani Zakhem che avevamo visto nell’ultima edizione di Altaroma.

Il suo debutto è stato segnato da energia, fervore ed effervescenza del fuoco: ecco come si potrebbe riassumere la sua collezione.Rani Zakhem

La sua collezione ha avuto come cornize nel sontuoso Salon Imperial dell’hotel Westin Vendôme.

Qui Rani Zakhem ha celebrato la gioia di vivere con una metafora incandescente.

Il fuoco è uno degli elementi essenziali della vita e rappresenta il cardine di questa sontuosa collezione, dedicata ad una donna vulcanica.Rani Zakhem

Il tema del fuoco è il filo conduttore, un pretesto per rendere omaggio ai grandi che da sempre ispirano la sua creatività, è mantenuto vivo il fuoco della sua passione per la moda.

Elemento eterno  e incontenibile, il movimento del fuoco e  i colori delle fiamme  irrompono nella collezione  in cascate pirotecniche ed esplosioni dorate, disegnate da ricami di cristalli di lava che impreziosiscono gli abiti lunghi e danzanti o  i tubini corti che aderiscono al corpo, impreziositi da un gran fiocco a contrasto.Rani Zakhem

Alcuni capi sembrano essere scolpiti nella luce, e le costruzioni sartoriali sono magiche nell’esaltare la bellezza della figura o nel creare movimenti sinuosi che accompagnano i movimenti.

Perfezione sartoriale, tessuti e ricami preziosi, nei satin, nei plissé soleil e nelle organze in una palette di colori caldi declinata dal giallo oro al rosso vivo all’arancione, senza rinunciare al must per eccellenza: il nero, assoluto o contaminato dal bianco più puro.

Rani ZakhemGeometrie ed esplosioni di luce, con le suggestioni moderniste, che  ci riporta ai caleidoscopi di stelle e di luce de Il Bacio di Klimt, o con le reminiscenze anni 70, come l’omaggio a Mireille Darc nel film «Le grand blond avec une chaussure noire» in cui Guy Laroche ha creato per la celebre attrice la scollatura più famosa della storia del cinema francese.

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *