Omaggio al grande Lebowski

Lebowski

Il Grande Lebowski: origine del mito

Ci sono film che fanno epoca, altri che fanno la storia, come Il Grande Lebowski.

Nel 1998 i fratelli Coen diedero vita a Jeffrey Lebowski, detto Drugo (The Dude, in lingua originale) e a un incredibile serie di personaggi che popolò un film improbabile.

Uscito quasi in sordina, sfiorando l’insuccesso, Il Grande Lebowski è diventato presto un cult. Nel 2014  è stato inserito nella National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. È, cioè,  considerato parte integrante del patrimonio culturale americano. Il film condensa in meno di due ore citazioni, riferimenti a generi, surrealismo e analisi della realtà in maniera pungente. I protagonisti sono persone ai margini della società che si muovono nella città-emblema del cinema, a Los Angeles.

Lebowski
Jeff Bridges / Drugo in una scena del film

Jeffrey/Drugo Lebowski (Jeff Bridges) è un fannullone sboccato che vivacchia tra una partita di bowling, un giro al supermercato in accappatoio e uno spinello. Il tutto innaffiato da litri di White Russian. La sua vita viene improvvisamente sconvolta quando gli scagnozzi di un magnate del porno lo scambiano per un altro Jeffrey Lebowski. Uno ricco e sposato.

Da qui partono per Drugo e i suoi amici una serie di (dis)avventure tragicomiche, che si snodano in una trama complessa.

Dal cinema alla storia: un libro omaggio a Il Grande Lebowski

Lebowski
edizionidelfrisco.com

E oggi per celebrare un film che ormai è una icona esce dalle Edizioni del Frisco un omaggio a personaggi indimenticabili come Drugo e Maude (Julianne Moore), Walter (John Goodman) e Donny (Steve Buscemi): The Big Lebowski Art Collection.

67 artisti provenienti da 20 diversi paesi si sono messi al servizio di questo progetto fantastico, realizzando illustrazioni straordinarie. Hanno usato la propria arte come filtro per re-interpretare scene memorabili e ritrarre personaggi che ormai sono leggendari.

Lebowski
Joakim Riedinger, n.35

Ed ecco che la Maude protagonista dei sogni di Drugo compare in più versioni, talvolta ritratta al volo, altre sotto forma di cartone, ma sempre provocante. Così come in nessuna opera Drugo non perde quel fascino fannullone che Jeff Bridges interpreta alla perfezione.  E il bowling ritorna sempre, “set” ideale delle giornate di Drugo e oggetto perfetto per tante illustrazioni!

Un consiglio: riguardate Il Grande Lebowski, ridete, sorridete, sconvolgetevi. E poi gustatevi fino in fondo questo libro fantastico, il ritratto perfetto di un film che ora è storia.

 Lebowski
Pete Majarich, n.55

 

The Big Lebowski Art Collection, a cura di Francesco Ciaponi, Edizioni del Frisco, Santa Croce sull’Arno (Pisa) 2017

 

Caterina Pascale Guidotti Magnani

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *