Home Lifestyle Champions League e Principesse
Champions League e Principesse

Champions League e Principesse

0

Champions League

Ieri sera in tv abbiamo visto la Champions League, Juve ha giocato contro il Malmo, vincendo per 2-0.

Ma la partita, almeno in casa mia, si è disputata anche tra un’aspirante principessa di 4 anni e un aspirante calciatore di 9 anni.

Lei voleva vedere le Winx, lui la partita. La diatriba si è risolta grazie all’intervento della Provvidenza che ha fatto finire il cartone delle Winx lasciando ampio spazio alla visione della partita.

Cambiato canale, l’aspirante principessa, vedendo i giocatori schierati in campo, ha sgranato gli occhi e, con tono allibito, ha chiesto: “Ma gioca la Juve, siete sicuri? Quale delle 2 squadre è la Juve?”.

Come darle torto? Ieri sera la Juve non aveva la classica maglia bianconera, no, ha giocato con la maglia da evidenziatore Stabilo Boss, quella verde.

Mi sono già espressa sull’argomento, quindi non mi ripeto, ma che sembri di guardare 11 Shrek che rincorrono un pallone, lo scrivo ancora.

Inizia la partita.

Campo ai limiti della praticabilità e per questo la Juve ha sporto formale protesta all’UEFA.

E che sarà mai…è la stessa situazione in cui ci troviamo noi quando vi diciamo “amore vai piano che ho i tacchi” e voi, che non avete mai provato l’ebbrezza di un tacco 12 sulla ghiaia, invece che rallentare, aumentate il passo.

Segna la Juve 1-0. L’aspirante calciatore esulta con tutto il fiato che ha in gola e sua sorella, intenta a giocare lì vicino, si spaventa e inizia a piangere.

“Non è carino da parte tua urlare così che mi spaventi!”

“Ti sei spaventata perché non guardi la partita. Se invece di giocare tu avessi seguito la partita avresti visto il goal e non ti saresti spaventata”

2-0 Juve e la scena si ripete. Lui urla, lei piange, lui la fa sedere in fianco a lui per guardare la partita.

Lei: “Gioca Pirlo?”

Lui: “Si. Perché lo vuoi sapere?”

Lei: “Se gioca Pirlo, guardo la partita”

Lui: “E perché?”

Lei: “Perché è bello”

Lui sgrana gli occhi e scoppia a ridere

Lei: “Non ridere, io da grande sposo Pirlo”.

Ecco…siamo a posto…guarda la partita della Juve per guardare Pirlo, il suo futuro sposo.

Questa è mia figlia, 4 anni, aspirante principessa che guarda le partite di calcio perché da grande sposerà un calciatore.

AIUTO!

 

Federica De Stefani

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *