Home Lifestyle #Mammablogger: Follemente con amore

#Mammablogger: Follemente con amore

1

Oggi abbiamo scambiato due parole con  Sara Cristanziani  , dove siamo state colpiete dal suto sito: “Follemente con Amore”.

@follemente_
@follemente_

 


Sara raccontaci chi sei.

Nel ringraziarvi di cuore per essere ospite del vostro blog mi presento: sono una ragazza, o dovrei dire una donna di 33 anni, moglie innamorata di Federico detto Topo e in attesa di una bimba. Amo le cose semplici, la famiglia, i miei amici che sono una parte fondamentale della mia vita e la mia casa che considero la mia isola felice e un luogo dove trovare pace e protezione dal mondo esterno.
Sono una persona curiosa e mi piace imparare mettendomi sempre alla prova in vari campi. Per questo passo dalla cucina al giardinaggio alla fotografia e al cucito senza mai avere la pazienza di approfondire bene una sola arte.
Nella vita reale mi occupo di amministrazione del personale in un’azienda di circa 300 dipendenti, lavoro che mi consente di confrontarmi con problematiche sempre differenti.

Tre pregi e tre difetti che ti caratterizzano

Iniziamo dai difetti. Sono una persona molto testarda.. Se mi prefiggo un obiettivo o un’idea difficilmente riesco a cambiare rotta.
Non ho molta pazienza, purtroppo.
Ultimo, ma non per importanza, sono abbastanza maniaca dell’ordine e del controllo.
Veniamo ora ai pregi. Mi ritengo una persona sensibile, solare e generosa. Sempre pronta a vedere il lato buono delle cose e delle persone.

Cosa è per te Instagram?

Ig ha assunto diversi significati da quando mi sono iscritta nel 2012. Inizialmente è stata una vetrina di meravigliose foto. Oggi è il mezzo di socialità che preferisco per qualità di immagini ma anche per l’opportunità che mi ha dato di conoscere tantissime amiche virtuali. È la possibilità di vivere in diversi mondi. Di viaggiare in luoghi lontani, di assaggiare con gli occhi piatti preparati con amore e di essere ospiti di case bellissime.

Parliamo del tuo blog, il nome “Follemente con Amore” come è nato?

Il blog nasce nel 2010 con il nome di Follemente, con lo scopo di documentare la mia impresa di preparazione della mezza maratona di corsa. La sfida ai tempi mi sembrò abbastanza folle e da qui il nome del blog. Nel tempo questo mio spazio virtuale ha preso strade diverse iniziando a parlare di vita quotidiana, di life style, di felicità e di tutto quanto mi stesse più a cuore, da qui il cambiamento in Follemente con Amore.



Nel blog parli di te e della tua casa, dei tuoi interessi e adesso hai annunciato la tua gravidanza con un post a cuore aperto in cui fai “outing” su quanto questa gravidanza è stata desiderata, cosa ti senti di dire alle donne che stanno attraversando un periodo difficile per un figlio che non arriva?

L’argomento è davvero delicato e spesso considerato tabù. Ho deciso di condividere questa nostra esperienza perchè sentivo l’ardente desiderio che le persone nella stessa situazione si sentissero meno sole e questa notizia potesse dare loro speranza.
Non ho reali consigli da dare perchè capisco che ogni individuo abbia reazioni diverse alla delusione e allo sconforto. Io ho capito che la vita ha sempre qualcosa da insegnarci, soprattutto quando ci accadono esperienze negative. Se ci mettiamo in ascolto e cerchiamo di trarre massima gioia dalle cose semplici che la vita ci offre essa acquista una nuova dimensione. Io vorrei dire a tutte le donne di non perdere mai la speranza e di continuare con tutte le cure e le indagini ma anche ricordando di vivere nel mentre. Focalizzandosi interamente sul problema si rischia di perdere molte altre occasioni di gioia.


Su instagram tutti noi già adoriamo “Saltapicchia” , come è nato questo nomignolo?

Saltapicchio è un nomignolo buffo che Federico, mio marito, ha dato al nostro bimbo (prima di scoprire che fosse una femminuccia) vista la sua vitalità incredibile. In ogni ecografia ha dimostrato fin da subito una propesione a saltellare non indifferente e da qui il suo nome.

Ora sei al sesto mese e dai tuoi scatti sei meravigliosa, si vede che sei attenta ai dettagli e alla cura di te stessa, pensi di riuscire con la maternità a regalarti ancora momenti solo per te?

In realtà sono una persona molto semplice. Ci tengo alla cura della mia persona ma non sono una fashion addicted. Sto usando questo tempo prezioso per coccolarmi e tenermi in forma e spero che con la nascita della piccola Saltapicchia io possa ritagliarmi, con l’aiuto di mio marito e della famiglia, del tempo per fare sport come via per il benessere fisico e mentale. Per me è questo il segreto della felicità. Se non stiamo bene con noi stessi difficilmente possiamo relazionarci con gli altri con la dovuta serenità e quindi credo sia meno egoistico sottrarre un po’ di tempo alla famiglia per passare dei momenti di qualità piuttosto che essere madri e mogli onnipresenti ma infelici.


Cosa significa per te essere donna e (presto) mamma?

Essere donna, soprattutto in un paese come il nostro, è una grande sfida perchè spesso ci è richiesto di dimostrare il doppio dei nostri colleghi maschi, soprattutto in ambito professionale, per avere la stessa stima.
In controtendenza con tale aspetto, ho sempre desiderato sposarmi e avere una mia famiglia e in questo trovo molto appagamento e gioia sempre tenendo presente quanto questo non sia una sottomissione ma un grandissimo dono che si fa all’altro.
Quello che sogno è un modello nord europeo dove possano convivere sia la professionalità che l’attitudine a prendersi cura della famiglia senza sensi di colpa o timore di perdere la propria posizione professionale.
Essere mamma, per quello che ho vissuto in questi mesi, è un viaggio incredibile di scoperte, trasformazioni quotidiane, e di nuove emozioni. Quanto al dopo posso solo idealizzare un ruolo di cura, amore e progetti educativi che spesso vedo vacillare nella realtà che mi circonda.


In una delle tue ultime foto abbiamo notato una trapuntina meravigliosa fatta con la tecnica” bisquit quilt”, da ciò traspare il tuo amore per l’handmade, raccontaci un po’ di questa tua passione !

Ho sempre amato cimentarmi in nuove esperienze e imparare cose diverse e quando sono dovuta restare a riposo forzato ho pensato di recuperare la vecchia macchina da cucire di mia madre, collegarmi a youtube e buttarmi. La qualità non è forse delle migliori, ma vuoi mettere la soddisfazione di vedere nascere dagli scampoli di tante stoffine inutilizzate una trapuntina per la tua creatura? A tutte le ragazze che mi chiedono se ho fatto qualche corso dico che “volere è potere”. Siate testarde e provateci.
Come gia anticipato nella presentazione non sono una vera appassionata di un’arte in particolare in quanto attratta dal provare e apprendere. Diciamo che una volta tentato non approfondisco e perfeziono mai il risultato ma tendo a sperimentare qualcosa di nuovo. E’ proprio questa curiosità che mi mantiene viva e gioiosa.


Ora con la gravidanza hai realizzato un grande desiderio,ma hai ancora “Il tuo sogno nel cassetto”?

Mi cogli impreparata. Al momento sono tanto felice di aver realizzato questo importante desiderio che non ho più pensato al resto.

Non ho un vero e proprio sogno nel cassetto se non quello di avere più tempo, una volta tornata al lavoro, per potermi dedicare a tutte le cose che amo.

Forse il mio grande sogno è proprio quello di avere la mia famiglia, di vivere e godere giorno per giorno il tempo che ci è dato senza preoccuparsi troppo del futuro.

Intervista fatta da Soraida Noris per WoMoms.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Comment(1)

  1. Saraaaaaaaaaa, ti adoro 🙂 sei una gran bella persona e sempre attenta se pur in modo virtuale 🙂
    Baciiiiiiiiiii e augurissssssssimi x Saltapicchia !!!!!

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *