Home Lifestyle Vita da vegetariana
Vita da vegetariana

Vita da vegetariana

0

E questa sono io, @giardiniepasticcini o semplicemente Marilena.

IMG_20150209_084121

Vegetariana da 30 anni…sì insomma, una vegetariana incallita che non insegue l’ultima tendenza del momento. Questo lo dico per sfatare un vecchio mito secondo cui senza carne si muore. Ebbene senza si può e a volte si deve. Mi riferisco alle serie ragioni di salute che poi sovente, sono quelle che spingono sempre più persone a muovere i primi passi in questa direzione.
È stato anche il caso dei miei genitori che pur senza particolari problemi, avevano intuito (erano ancora lontane le campagne di sensibilizzazione del dott. Veronesi) i benefici di un’alimentazione priva di carne e pesce.
Ricordo che il giorno in cui mi parlarono della loro scelta, fui felicissima, anzi diciamo pure che non aspettavo altro. Avevo sempre mangiato la carne con molta riluttanza anche perché, pur avendo solo dieci anni, ero cosciente del fatto che ciò che giaceva inerme nel mio piatto, anche se condito (e camuffato) con golosi intingoli o panature (oggi si dice panure che fa più figo) fino a poco tempo prima respirava e osservava il mondo con occhietti indifesi.

1423169316981

La mia vita da allora è stata più serena, consapevole e costellata di iniziali fallimenti culinari. E sì perché i prodotti già pronti erano appena agli albori (in Italia) ma soprattutto non erano facilmente reperibili ricettari specifici e le poche informazioni fornite dai rivenditori di prodotti alternativi, erano alquanto scarne. Come in tutte le cose, bisogna perseverare e l’esperienza arriva sul campo.
Oggi, invece, le ricette scorrono a fiumi, dal fascinoso Marco Bianchi al famoso e stellato titolare del Joja di Milano, passando per le trasmissioni televisive fino ad approdare ai blog di ultima generazione…benvenuta veggie mania!

IMG_20150205_113949

Oggi sono mamma di tre meravigliose e vivacissime creature. Diventare mamma significa per tutti tanto amore e tante responsabilità. Ecco, io non ho voluto (per vari motivi) accollarmi la responsabilità di una scelta a 360 gradi anche per loro, pur avendo l’appoggio di mio marito.
Cosa significa questo in concreto? Significa che se si va al ristorante mangiano ciò che si sentono e a casa l’alimentazione varia da bistecche e salsicce (ma centellinate perché come ho detto l’attenzione alla salute è prioritaria a maggior ragione nei confronti dei bambini) ai prodotti di soia e seitan, senza dimenticare legumi e cereali, anche integrali, frutta, verdura, pazienza e fantasia. Questi ultimi sono ingredienti fondamentali per coinvolgere i bimbi.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *