L’importante è stare bene!

Credo di non conoscere nessuno di esteticamente perfetto, voi?

Al giorno d’oggi si sa, apparire è fra i primi obiettivi di tanta gente altrimenti non si spiegherebbe questo continuo aumentare delle operazioni chirurgiche estetiche, dei cosiddetti ritocchini.

In molti non si accettano, vorrebbero migliorare quel qualcosa del loro corpo che proprio non va: naso storto, maniglie dell’amore, doppio mento…

Ecco sì, il doppio mento com’è che arriva a farci visita? Semplice: può presentarsi per cause ereditarie, sovrappeso, per l’età che avanza o anche per una cattiva postura. Quel che è certo però, è che “convive” con molti di noi, uomini o donne indistintamente.

Negare l’evidenza è difficile, ma non impossibile.

#doppiomentostop

Allergan  azienda farmaceutica in collaborazione con medici, operatori sanitari e pazienti, mette a disposizione terapie innovative ed efficaci volte ad aiutare le persone a salvaguardare la propria salute il più a lungo possibile.

Lo scorso 27 settembre 2017 ha presentato la campagna istituzionale  #doppiomentostop .

Campagna volta a creare sensibilizzazione intorno al tema del doppio mento, una caratteristica fisica che riguarda davvero un gran numero di persone.

Il doppio mento non è una malattia, non deve essere oggetto di ironiche battute, non deve essere per voi fonte di malessere. Imparare a convivere con i nostri difetti deve essere il cavallo di battaglia di tutti noi: non siamo perfetti, siamo semplicemente unici!

Allergan ha sviluppato un’alternativa non invasiva e non chirurgica che permette di risolvere efficacemente e facilmente un problema che fino a qualche tempo fa destava preoccupazione e malessere per diversi di noi.

Anch’io ho il doppio mento, ma sinceramente, non è la prima cosa che guardo quando sono davanti allo specchio… guardo che la persona specchiata sia sorridente, e felice della persona che è.

WoMoms sta sicuramente con #doppiomentostop, e voi invece che fate?

 

Erica M.

 

Buzzoole

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *