Home Benessere&Salute Salute Consigli su come calmare un bambino esigente

Consigli su come calmare un bambino esigente

Consigli su come calmare un bambino esigente
0

Calmare un bambino esigente, ecco qualche suggerimento per i genitori

Ecco come puoi provare a confortare un bambino che piange. Potrebbero essere necessari alcuni tentativi, ma con pazienza e pratica scoprirai cosa funziona e cosa no per il tuo bambino.

  • Avvolgi il tuo bambino in una coperta grande e sottile per aiutarla a sentirsi sicura.
  • Tieni il tuo bambino tra le braccia e posiziona il suo corpo sul lato sinistro per favorire la digestione o lo stomaco. Strofina delicatamente la schiena. Se il tuo bambino va a dormire, ricordati di sdraiarlo sempre nella sua culla sulla schiena.
  • Attiva un suono rilassante. I suoni che ricordano ai bambini di trovarsi all’interno dell’utero possono essere calmanti, come un dispositivo a rumore bianco, il ronzio di una ventola o la registrazione di un battito cardiaco.
  • Porta il tuo bambino in un marsupio o fascia. I movimenti calmanti ricordano ai bambini i movimenti che hanno sentito nell’utero.
  • Evita di nutrire eccessivamente il tuo bambino perché questo potrebbe anche metterla a disagio. Prova ad aspettare almeno 2 o 2½ ore dall’inizio di una poppata alla successiva.
  • Se non è ancora il momento di nutrire il tuo bambino, offri il ciuccio o aiutalo a trovare il pollice o il dito. Molti bambini si calmano succhiando.
  • Se la sensibilità alimentare è la causa del disagio, un cambiamento nella dieta può aiutare. Per i bambini allattati al seno: le mamme possono provare a cambiare la propria dieta. Vedi se il tuo bambino diventa meno esigente se riduci i prodotti lattiero-caseari o la caffeina. Se non ci sono differenze dopo aver apportato le modifiche dietetiche, riprendi la tua dieta abituale. Evitare cibi piccanti o gassosi come cipolle o cavoli ha funzionato per alcune mamme, ma questo non è stato scientificamente provato. Per i bambini allattati al seno: chiedi al medico di tuo figlio se dovresti provare una formula diversa. Questo ha dimostrato di essere utile per alcuni bambini.
  • Tieni un diario di quando il tuo bambino è sveglio, dorme, mangia e piange. Scrivi quanto tempo impiega il bambino a mangiare o se il bambino piange di più dopo aver mangiato. Parla con il medico di tuo figlio di questi comportamenti per vedere se il suo pianto è legato al dormire o al mangiare.
  • Limitare ogni pisolino diurno a non più di 3 ore al giorno. Mantieni il tuo bambino calmo e tranquillo quando lo dai da mangiare o lo cambi durante la notte, evitando luci e rumori intensi, come la TV.

Elenco di controllo per ciò di cui il tuo bambino potrebbe aver bisogno:

Ecco alcuni altri motivi per cui il tuo bambino potrebbe piangere e suggerimenti su cosa puoi provare a soddisfare tale esigenza. Se il tuo bambino è …

  • Affamato. Tieni traccia dei tempi di alimentazione e cerca i primi segni di fame, come schioccare le labbra o spostare i pugni in bocca.
  • Freddo o caldo Vesti il ​​tuo bambino con gli stessi strati di indumenti che indossi per stare comodo.
  • Bagnato o sporco. Controlla il pannolino. Nei primi mesi, i bambini bagnano e sporcano molto i loro pannolini.
  • Sputare o vomitare molto. Alcuni bambini hanno sintomi di reflusso gastroesofageo e il lamento può essere confusa con la colica. Rivolgersi al medico del bambino se il bambino è lamentoso dopo l’allattamento, ha sputi o vomiti eccessivi e sta perdendo o non sta ingrassando.
  • Malato (ha la febbre o altre malattie). Controlla la temperatura del tuo bambino. Se il tuo bambino ha meno di 2 mesi e ha la febbre, chiama subito il medico del bambino.
  • Sovrastimolato.
  • Annoiato. Canta o canticchia tranquillamente una canzone per il tuo bambino. Fare una passeggiata.Calmare un bambino esigente

Calmare un bambino esigente: perché genitori e le tate hanno bisogno di pause dai bambini che piangono

Se hai provato a calmare il tuo bambino che piange, ma nulla sembra funzionare, potresti dover dedicare un momento a te stesso. Piangere può essere difficile da gestire, specialmente se sei fisicamente stanco e mentalmente esausto.

 

  • Fai un respiro profondo e conta fino a 10.
  • Metti il ​​tuo bambino in un posto sicuro, come culla o box senza coperte e animali di peluche; lascia la stanza; e lascia che il tuo bambino pianga da solo per circa 10-15 minuti.
  • Mentre il bambino si trova in un luogo sicuro, considera alcune azioni che potrebbero aiutarti a calmarti.
  • Ascolta la musica per alcuni minuti.
  • Chiama un amico o un familiare per il supporto emotivo.
  • Esegui semplici faccende domestiche, come aspirare o lavare i piatti.
  • Se non si è calmato dopo 10-15 minuti, controllare il bambino ma non riprenderlo finché non si sente di essersi calmato.
  • Quando ti sarai calmato, torna indietro e prendi il tuo bambino. Se il tuo bambino sta ancora piangendo, riprova le misure calmanti.
  • Chiama il medico di tuo figlio. Potrebbe esserci un motivo medico per cui il tuo bambino sta piangendo.
  • Cerca di essere paziente. Mantenere il bambino al sicuro è la cosa più importante che puoi fare. È normale sentirsi turbati, frustrati o addirittura arrabbiati, ma è importante tenere sotto controllo il proprio comportamento.

Calmare un bambino esigente a volte risulta difficile ma ricorda, non è mai sicuro scuotere, lanciare, colpire, sbattere o scuotere qualsiasi bambino e non risolve mai il problema!

Ti consiglio di leggere anche Pulizia del nasino: ecco come farla al meglio

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
Alessandra Bonadies Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Abito a Roma ma sono una gallina padovana. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »