Home Moda&Bellezza Fashion Giorgio Armani: “La moda ora deve rallentare”

Giorgio Armani: “La moda ora deve rallentare”

Giorgio Armani: “La moda ora deve rallentare”
0

Giorgio Armani: lettera a WWD Women’s Wear Daily

Giorgio Armani, dopo essere stato uno dei primissimi leader a riconoscere il pericolo della pandemia, mostrando la sua nuova collezione a porte chiuse durante la settimana della moda di Milano; donando 2 ml di euro agli ospedali locali per la ricerca e la cura.
Giorgio Armani
Armani ha anche convertito le sue strutture produttive in Italia produrre abiti monouso usa e getta, dando l’esempio in questa lotta globale contro COVID-19.
WWD Women’s Wear Daily, è una rivista commerciale dell’industria della moda che fornisce informazioni sui cambiamenti delle tendenze e le ultime notizie nel settore della moda e vendita al dettaglio di abbigliamento femminile e maschile.
La rivista è prevalentemente dedicata a finanziatori, dirigenti media, agenzie pubblicitarie, produttori, designer e rivenditori.

View this post on Instagram

Giorgio Armani wrote an open letter to WWD responding to an article on “slow fashion” published on April 2. ⁣⁣ ⁣⁣ "Congratulations: The reflection on how absurd the current state of things is, with the overproduction of garments and a criminal non-alignment between the weather and the commercial season, is courageous and necessary. I agree with each and every point of it, in solidarity with the opinions expressed by my colleagues,” Armani said. ⁣⁣ "This crisis is an opportunity to slow down and realign everything; to define a more meaningful landscape. I have been working with my teams for three weeks so that, after the lockdown, the summer collections will remain in the boutiques at least until the beginning of September, as it is natural. And so we will do from now on," the designer continued.⁣⁣ ⁣⁣ Tap the link in bio to read the full letter. ⁣⁣ ⁣⁣ Report: @luisazargani ⁣ ⁣ —⁣ #wwdfashion⁣ #giorgioarmani ⁣ #slowfashion

A post shared by WWD (@wwd) on

“ Il declino del sistema moda, per come lo conosciamo, è iniziato quando il settore del lusso ha adottato le modalità operative del fast fashion con il ciclo di consegna continua, nella speranza di vendere di più…

Io non voglio più lavorare così, è immorale.

Non ha senso che una mia giacca, o un mio tailleur vivano in negozio per tre settimane, diventino immediatamente obsoleti, e vengano sostituiti da merce nuova, che non è poi troppo diversa da quella che l’ha preceduta.
Io non lavoro così, trovo sia immorale farlo.
Ho sempre creduto in una idea di eleganza senza tempo, nella realizzazione di capi d’abbigliamento che suggeriscano un unico modo di acquistarli: che durino nel tempo.
Per lo stesso motivo trovo assurdo che durante il pieno inverno, in boutique, ci siano i vestito di lino e durante estate i cappotti di alpaca, questo per il semplice motivo che il desiderio d’acquisto debba essere soddisfatto nell’immediato.
Chi acquista i vestiti per metterli dentro un armadio aspettando la stagione giusta per indossarli? Nessuno, o pochi, io credo.
Ma questo sistema, spinta dai department store, è diventata la mentalità dominante. Sbagliato, bisogna cambiare, questa storia deve finire  
Questa crisi è una meravigliosa opportunità per rallentare tutto, per riallineare tutto, per disegnare un orizzonte più autentico e vero.

Basta spettacolarizzazione, basta sprechi.

Da tre settimane lavoro con i miei team affinché, usciti dal lockdown, le collezioni estive rimangano in boutique almeno fino ai primi di settembre, com’è naturale che sia. E così faremo da ora in poi.
Questa crisi è anche una meravigliosa opportunità per ridare valore all’autenticità: basta con la moda come gioco di comunicazione, con le sfilate in giro per il mondo, al solo scopa di presentare idee blande.
Basta intrattenere con spettacoli grandiosi che oggi si rivelano per quel che sono: inappropriati, e voglio dire  anche volgari.

Basta con le sfilate in tutto il mondo, fatte tramite i viaggi che inquinano; con gli sprechi di denaro per gli show, sono solo pennellate di smalto apposte sopra il nulla.

Il momento che stiamo attraversando è turbolento; ma ci offre la possibilità, unica davvero, di aggiustare quello che non va, di togliere il superfluo, di ritrovare una dimensione più umana…
Questa è forse la più importante lezione di questa crisi.”
Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
Federica Donati Classe '84, moglie di Andrea, mamma di Alessandro e Camilla. Da sempre nel mondo della moda, ma senza rinunciare mai alle mille scoperte che la vita ogni giorno ci riserva. Segni particolari: positività.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »