Home Culture I Bobby Joe Long’s Friendship Party
I Bobby Joe Long’s Friendship Party

I Bobby Joe Long’s Friendship Party

0

Il punk delirante dei Bobby Joe Long’s Friendship Party

A sfidare le mode musicali del momento e a disturbare il nuovo conformismo della musica italiana ci pensano i Bobby Joe Long’s Friendship Party, meglio conosciuti come Oscura Combo Romana.

Romana di Roma Est, territorio d’ora in poi sottratto all’egemonia culturale dell’indie capitolino e di fumettisti di successo.

I Bobby Joe Long’s Friendship Party, aka Oscura Combo Romana, sono una band/entità musicale del progetto artistico 03:33.

Inventori del genere riconosciuto coatto-wave – un misto di punk, post-punk, new wave, synth pop con liriche tra il colto e il romanesco che trattano i temi più disparati, dai serial killer, alla banalità dell’ordinario.

Semo Solo Scemi  dal 24 maggio fuori su tutte le piattaforme digitali e nei negozi di dischi. 

Capitanati da Henry Bowers, un losco individuo che si fa chiamare come lo psicopatico personaggio di It di Stephen King, i BJLFP sembrano gli Skiantos del III millennio avvolti dalle tenebre e cresciuti ascoltando Bauhaus, Siouxsie, Depeche Mode.

Al fianco di Bowers si muovono altre tre bizzarre figure: Abacab Carcosa alle chitarre, Peter Spandau ai synth, Alain Dlindlon alla batteria.

Punk, new wave, synth pop, metal, EBM sono le coordinate sonore entro il quale si sviluppano i deliranti testi, dall’animo situazionista e dal gusto neodada, che articolano un disco manifesto; un concept album a chiusura della trilogia (o, meglio, “trucilogia”) iniziata nell’aprile 2016 con il primo album autoprodotto Roma Est (allora, disco del mese per Onda Rock) e proseguita nel 2017 con Bundytismo – ConcettiSostanzeMeanstream.Bobby Joe Long's Friendship Party

A legare il tutto, il ritorno del protagonista/narratore, sorta di Patrick Bateman (protagonista di American Psycho di B. E. Ellis) di periferia, poco yuppie e molto coatto.

Se nel primo album il nostro era stretto in una sorta di limbo fra la Prenestina e la Tiburtina e nel secondo disco scopriva il mondo al di là di Roma Est – confrontandosi con l’universo femminile, personaggi pubblici e serial killer in un ironico e iperrealista turbine di disagio esistenziale -, in Semo Solo Scemi prende coscienza di una condizione di spirito del tutto irrimediabilmente corrosa.

 Le liriche diventano ancora più allucinate, il nonsense prende il sopravvento; l’identità si sgretola e Bowers/Bateman si ritrova in una sorta di dimensione parallela in cui lucidi lampi di verità illuminano il caos generale della vita contemporanea.

Come nel caso del brano EBM Allarme Pesci Palla (Non è una fake news), allegra presa in giro dell’analfabeta funzionale ma anche sarcastica fotografia della manipolazione mediatica di cui tutti siamo vittime.

 I BJLFP procedono traccia dopo traccia attraverso forzature, provocazioni e surreali analogismi, ricreando atmosfere alla Twin Peaks (Charles Starkweather); contrasti fra sonorità hardcore e melodie da carillon (#perlasovranitànazionale)ed infine sinfonie di synth e trionfo di puro punk in pezzi come nelle tracce Mondo Scemo Impazzito e Magno, Bevo e Tifo Roma.

Fino ad arrivare al brano di chiusura, Aka Lawrence D’Arabia, in cui il protagonista/narratore,  crede di essere Lawrence D’Arabia (o forse Peter O’Toole), catapultato in una realtà alternativa.

Fuori dal tempo, vittima dei propri sogni irrealizzabili, galoppa impazzito nell’immensa solitudine del deserto.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Alessandra Bonadies Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Abito a Roma ma sono una gallina padovana.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *