Fashion

Giacca trapuntata, ritorna un must

Giacca trapuntata, il grande ritorno nei nostri guardaroba

La classica giacca con il trapuntato in nylon.

La quilted jacket non è più ideale solo per la mezza stagione ma anche per le temperature più fredde in base alla loro imbottitura.

Giacca trapuntata

La giacca trapuntata come la conosciamo oggi è stata inventata nel 1965 da Steve Guylas e da sua moglie Edna.

Mr. Guylas è nato in Pennsylvania e si è ritirato dalla US Air Force nel 1960 con una malattia agli occhi e si trasferì con la moglie in Inghilterra, dove produceva capispalla termici e le famose giacche trapuntate che forniva anche alle Famiglia reale britannica.

Tutte le attività di Guylas sono iniziate con il nome Husky. Essendo un paese, Guylas, appassionato di pesca e caccia, usciva con il suo cane husky a fare una passeggiata e quindi scelse il nome.

Il primo indumento trapuntato disegnato da Guylas era un gilet trapuntato impermeabile in poliestere per le riprese. Ben presto divenne popolare tra i suoi colleghi del club, e così realizzò una giacca trapuntata. Inizialmente erano disponibili solo in verde oliva chiaro e blu navy, ma con l’aumento della domanda, è cresciuta la tavolozza dei colori per le giacche.

Probabilmente il fattore più importante nella divulgazione della giacca è stata la famiglia reale britannica. La regina indossava una giacca husky trapuntata con un colletto di velluto a coste marrone per cavalcare, e presto seguirono celebrità in Gran Bretagna e in Europa.

Negli anni ’80 è diventato anche un punto fermo del guardaroba degli Sloane Rangers nel Regno Unito e poi è passato agli Stati Uniti. Successivamente negli anni ’90 ha venduto Husky all’italiano Saviero Moschillo.

Oggi il modello viene ripreso da tantissimi altri brand.

Ideale sia per un look formale ma anche per un look casual.

 

Ti consiglio di leggere anche Moda anni ’80: ma come ti vestivi?

 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.