Home Lifestyle Interviste Giorgia Leorato, alias LaCrusia

Giorgia Leorato, alias LaCrusia

Giorgia Leorato, alias LaCrusia
1

 Giorgia Leorato: influencer, mamma, lavoratrice e con tante passioni

 Giorgia Leorato

Nome ig?

LaCrusia, era il mio soprannome. Il mio bisnonno diceva sempre che il freddo invernale “crusia” ossia pizzica, punge, è fastidioso. Da questo suo modo di dire lo iniziarono a chiamare Crusio, così mio nonno, mio padre ed infine mio fratello erano “el Crusio”, “el fiol de Nani Crusio”. La prima Crusia fui io, la Crusieta mia sorella (che ha 6 anni meno di me). Un po’ pungente e fastidiosa lo sono, lo trovo perfetto.

Di dove sei?

Sono veneta, nata e cresciuta in un paesino di 4.000 anime che si trova in mezzo ai vigneti di garganega ed ai ciliegi: Montecchia di Crosara. Mi è sempre stato stretto, non vedevo l’ora di fuggire da lì!

 3 pregi e 3 difetti?

Simpatica, istintiva e precisa. Testarda, permalosa e pigra.

 I tuoi hobby?

Ho una passione per il vino, ho frequentato due corsi A.I.S. per diventare sommelier, poi la gravidanza prima ed il trasloco successivo mi hanno bloccata. Degusto spesso e volentieri, questa però è una vera e propria passione.
Instagram è un altro hobby, mi ha persino portato a fare un corso di fotografia, le foto del profilo sono fatte spesso con il cellulare, se però tiro fuori la reflex la differenza è palese. Sono campionessa indiscussa del selfie estremo, rischio costantemente infortuni e figuracce.

Cosa significa per te WoMoms?

WoMoms è un impegno, richiede tempo, idee, fantasia e “sacrificio”. L’ultimo aggettivo l’ho messo tra virgolette perché, se una cosa ti piace, ti pesa sicuramente meno. Grazie a WoMoms dormo meno ed ho ritrovato il piacere di scrivere, lo trovo terapeutico, cosa che in questo periodo funziona sicuramente meglio dell’analista!

Giorgia Leorato se potessi scegliere e vedere avverati 3 desideri, quali sarebbero?

Già visualizzo il genio della lampada come uno dei maschietti del @giovedignocchi “Caro genio, per prima cosa estingui il mio mutuo casa, la folle idea di comprarmi un appartamento da sola a 27 anni potevo partorirla solo io; il secondo desiderio te lo sussurro all’orecchio perché c’è troppa gente che ascolta e sono molto scaramantica; come terza cosa vorrei che i miei cari (compagno e figlia in primis) continuassero ad essere sani e sereni, se ci scappasse un turista per sempre vincente, non mi offenderei!” Ho chiesto troppo?!?

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn

Comment(1)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »