gin
Lifestyle

I migliori gin da bere

I migliori gin, scopriamo quali sono

La prima ricetta del Gin è creata nei Paesi Bassi nel XVII secolo. La bevanda distillata con il gusto delle bacche di ginepro  era usata come formula alternativa ai farmaci diuretici per trattare le malattie renali.

Il marchio più antico del gin si chiama Bols, fondata da Lucas Bols nel 1575 in Olanda.

Una normativa dell’Unione Europea divide i gin in tre categorie principali in base al metodo di produzione:

  • Gin: appartengono i compound gin, alcolici non ridistillati al gusto di ginepro, creati con l’aggiunta di un concentrato di essenze;
  • Distilled gin: l’alcool viene ridistillato secondo i metodi di infusione o macerazione e vengono aggiunti dolcificanti, edulcoranti o altri aromi naturali dopo la ridistillazione;
  • London Gin: questa denominazione stabilisce il processo di aromatizzazione. Anche questo tipo di gin prevede la ridistillazione, ma non ammette l’aggiunta di altri aromi dopo la fase iniziale di infusione o macerazione. È fondamentalmente il tipo di gin più puro tra i tre e quello in cui le note di ginepro sono più spiccate. È conosciuto anche come London Dry Gin, dove la parola “dry” (secco) sottolinea l’assenza di aromi particolarmente pronunciati.

Queste denominazioni solitamente si trovano sull’etichetta del gin sotto al marchio del produttore.migliori gin

 

Ecco i migliori gin da bere, comprare o regalare

  • Hendrick’s Gin
  • Gin Mare
  • Roku Gin
  • Monkey 47 Schwarzwald Dry Gin
  • Beefeater London Dry Gin
  • Bombay Sapphire London Dry Gin7
  • Malfy Gin Rosa
  • Nordés Atlantic Galician Gin
  • Gin primo al sale di Romagna
  • Z44 Gin Roner
  • Ginepraio
  • Etsu Handcrafted
  • Chase Distillery Williams Elegant

Gin Tonic: ghiaccio, acqua tonica, una fettina di limone e bacche di ginepro.

 

Ti consiglio di leggere anche Vino e formaggio, abbiniamoli!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.