Home Food Müesli fatto in casa? Si può. Ecco la ricetta!
Müesli fatto in casa? Si può. Ecco la ricetta!

Müesli fatto in casa? Si può. Ecco la ricetta!

0

Müesli: una ricetta facile, veloce ma soprattutto ottimo  fatto in casa.

Instagram è fonte continua di ispirazione, ma anche di conversazioni! E così,  quando ho caricato on-line la fotografia di una prima colazione a base di müesli,  Alessandra ha avuto l’idea di farmi condividere con voi la mia ricetta.
Per me questo miscuglio di cereali e frutta secca detto müesli fino a qualche tempo fa era un mistero da hotel, una di quelle prelibatezza su cui mi buttavo ai buffet della prima colazione degli alberghi.
Dalla golosità nasce la curiosità e dalla curiosità nasce l’esperimento… ed eccomi a googlare il binomio “müesli ricetta”. Ammetto che dovevo anche ovviare al fatto che sono allergica a riso e soja, due degli ingredienti fondamentali dei müesli che si trovano negli scaffali dei supermercati.
Prima di proseguire, bisogna ricordare che in cucina io sono disastrosa: tendenzialmente brucio anche i cibi di rosticceria da scaldare al microonde. Internet, inoltre, mi aveva riempita di informazioni, storie e filosofie…ero un po’ confusa. Raccolsi le nozioni di base su un post-it, chiusi il world wide web e intrapresi l’avventura.
Per il müesli home made non esiste una ricetta ufficiale, o meglio, io non ce l’ho! Vado a ispirazione e a gusto del momento.

müesli

Come preparo il müesli in casa.

Ho, però, delle regole imprescindibili, quando preparo il müesli:
– acquisto sempre ingredienti “freschi” e di alta qualità (insomma, non la frutta disidratata o la frutta secca sotto vuoto, ma quella venduta a peso);
– qualsiasi cosa io ci metta è nelle quantità di multipli o sottomultipli di 50g;
– mischio tutto insieme con un po’ di miele liquido -tutto tranne il cocco in scaglie e/o le gocce di cioccolato: il primo in forno si ingiallisce, le seconde di sciolgono. Insomma, questi li metto quando il mio cocktai di fibre e Omega 3 si è freddato!!!

Facciamo un esempio per del müesli e diciamo che in una ciotola capiente ho mescolato 50g di granella di nocciole, 50g di granella di mandorle, 50g di fragole disidratate, 50g di mirtilli disidratai, 100g di fiocchi di avena, 50g di cornflakes normali e altrettanti integrali con 2 cucchiai di miele liquido.
Accendo il forno ventilato sui 90/100 gradi; mentra lui si scalda, lascio riposare il mio mix qualche minuto e poi lo stendo su una placca da forno. Il müesli sta prendendo forma!
Inforno per non più di 3/4 minuti. Consiglio di non superare i 5 minuti, altrimenti il müesli si abbrustolisce e l’odore che pervaderà la cucina non andrà via in meno di mezza giornata (con la finestra spalancata). Quando il tutto si è freddato, aggiungo 100g scaglie di cocco e/o gocce di cioccolato, spargendole sul mio müesli ancora steso; ributto tutto nella ciotola per mescolare un po’ e il mio müesli è pronto!
Prima di riporlo, ricordatevi di farlo freddare bene. Per la conservazione del müesli, bastano delle scatole ben chiuse e il composto avanti giorni… se gli abitanti della casa non lo divorano prima.

müesli

Müesli a colazione o a merenda?

Io il müesli lo adoro con lo yogurt per la prima colazione, magari aggiungendo anche un po’ di frutta di stagione.
Ammetto, però, che sgranocchiato da solo, mentre lavoro al computer, è un ottimo alleato contro la stanchezza e contro i grassi “saturi” che alleviano le tensioni. Il müesli, infine, è ottimo anche per merenda perché infonde tanta energia!

Nota a margine: io ho usato spesso il mio müesli come pensierino o regalo per amanti del genere. Lo metto in un barattolo di vetro e faccio una bella confezione!!

Caterina Pascale Guidotti Magnani

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
tags:
Caterina Pascale Guidotti Magnani Penso di essere uno storico dell'arte e sicuramente sono una mamma. Non ho filtri, perché dico tutto quello che mi viene in mente, ma lo faccio sempre con gentilezza. Credo che l'educazione e la cultura siano alla base della civiltà. Ho una passione sfrenata per i foulard, una passione che è diventata collezione.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *