Home Lifestyle NOIA TRA LE LENZUOLA
NOIA TRA LE LENZUOLA

NOIA TRA LE LENZUOLA

0

0781eabb9419494a7fa52e96fe633303Cosa succede alla coppia dopo qualche anno di “fatta famiglia”?   

Anna e Giorgio, due amici che conosco da tempo, la chiamano così, da sempre, da quando ancora erano fidanzati e compagni di università. Perchè prima di sposarsi, hanno trascorso un periodo di convivenza, chiamandola proprio “fatta famiglia”! Loro sono una coppia simpatica e solare e, nonostante siano molto innamorati, stanno attraversando un momento di disagio…tra le lenzuola e hanno deciso di raccontarlo.

Premetto che noi ci amiamo moltissimo -racconta Anna- e dopo dieci anni di matrimonio e due figli in età scolare, provo per Giorgio lo stesso slancio d’amore di quando gli ho detto Si, ti sposo!

Per me Anna è tutto il mio universo, senza di lei e i bambini non potrei vivere. I primi anni di matrimonio, dopo una romanticissima convivenza, sono stati complicati, perchè sono arrivati subito i “teppisti”, noi li chiamiamo amabilmente così. Le nostre vite sono cambiate, trasformate da un paradiso a due, a una rocambolesca gim-kana, tra poppate, pannolini prima, vasetti poi, pappe, scuole d’infanzia, sedute dal pediatra, notti insonni e molto altro…bhè, in questo molto altro, però, ci sta tutto l’amore del mondo!     

Si guardano e sorridono e io ravviso in loro tutta la complicità di essere la mamma e il papà dei due adorabili “teppisti” che conosco bene e…so di che cosa parlano.
I figli ti responsabilizzano -riprende Giorgio– ti fanno entrare inesorabilmente nell’età adulta, anche se ci sei già da un pezzo e ancora non lo sai…a quasi quarant’anni dovresti  avere tutta la maturità in testa. In realtà, quando ti nasce un figlio ti accorgi da subito, come le priorità cambiano e si sposta la tua centralità, la metti improvvisamente da parte e accogli questa nuova consapevolezza della vita, ti senti veramente Grande, un Uomo, un Papà.   

Bhè ora mi intrometto io per fermarlo, altrimenti continua per ore -interviene Anna con la praticità che la contraddistingue- ora che i “teppisti” sono cresciutelli, respiriamo un po’ e abbiamo voglia di noi…siamo affamati di noi, ma…c’è un ma, non riusciamo più a trovare la strada di prima… Sono sempre molto attratta da Giorgio. Mi sono innamorata di lui per tante cose, tante belle qualità che possiede, una fra tutte è la sua gentilezza d’animo… certo, non posso elencarle tutte, ma ammetto che per me Giorgio è bellissimo e, tutt’ora, esercita un fascino che mi travolge. Quando non siamo insieme, oguno al proprio lavoro, ho dei flash su di lui, ho voglia di lui, di noi, dei nostri momenti d’amore. Ci penso tantissimo e mi sento sconvolgere dentro, quel rimescolio  quasi doloroso che parte dal basso ventre e mi fa battere forte il cuore. In questi momenti mi riprometto che la sera stessa, con i “teppistelli” finalmente addormentati, sicuramente farò sesso con mio marito. La mia testa ne è convinta e le intenzioni sono delle migliori. Capita poi, che dopo una giornata pesante di lavoro, mi addormento pensando che lo farò sicuramente domani”.

…curiosi? Il resto la settimana prossima.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Carla Zanutto Mi occupo di fitness. Sono mamma e nonna. Ho tre Labrador e un'adorabile meticcia. Da 6 anni faccio parte del Pengo Life Peoject, un progetto italiano per la tutela e la salvaguardia dell'Elefante Africano in Kenya. Nel tempo libero mi trovi incollata tra le pagine di un libro.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *