Unicorni: i miti e le leggende

Gli unicorni: nelle narrazioni fantasy, sono spesso animali nobili e puri che salvano l’eroe nel loro momento più buio.

Dietro lo scintillio e gli arcobaleni si trova una creatura un po’ spirituale, a volte gentile e feroce, misteriosa e medievale.

L’unicorno è anche l’animale nazionale scozzese.

Ma da dove vengono e c’è una qualche possibilità che siano mai esistiti?

L’unicorno nell’antichità

Intorno al 398 a.C., il medico greco Ctesias scrisse di unicorni. Lo ha fatto mentre viveva in Persia, sebbene i suoi racconti riguardassero gli unicorni dell’India. Nota: in realtà non era mai stato in India di persona. Raccolse storie di viaggiatori, quindi scrisse anche di uomini dalla testa di cane e grifoni. I racconti sono così fantastici, abbiamo dunque due opzioni. In primo luogo, possiamo presumere che fosse un bugiardo. Oppure, in secondo luogo, ha semplicemente scritto le storie che i viaggiatori gli hanno raccontato, rendendolo semplicemente credulone. Ctesia ci dice che l’unicorno ha un corpo bianco, testa rosso scuro, occhi blu scuro e un corno bianco, cremisi e nero.

I persiani, i greci e Plinio il Vecchio sostenevano tutti l’esistenza dell’unicorno in India. Giulio Cesare in seguito decise che viveva nelle foreste celtiche. Plinio il Vecchio ha descritto l’unicorno come avente il corpo di un cavallo, la testa di un cervo, i piedi di un elefante, la coda di un cinghiale e un corno nero lungo 3 piedi. Matt Simon nota che anche un rinoceronte indiano ha i piedi e una coda che corrispondono a questa descrizione.

Unicorni medievali

unicorni

Quando entriamo nel XII secolo, i bestiari abbandonarono il modello ibrido di Plinio. Hanno descritto l’unicorno come “molto piccolo”, delle dimensioni di un bambino di capra. Eppure questa descrizione chiaramente non si attaccava, come può attestare un famoso esempio di tessitura medievale. The Unicorn Tapestries, che ora si tiene al The Cloisters di New York, è una serie di sette arazzi risalenti al 1500 circa. In esso, i cacciatori hanno deciso di catturare un unicorno. Gli arazzi sono per lo più accurati in senso botanico. Questo crea un paradiso lussureggiante e abbondante attraverso il quale l’unicorno può muoversi.

In un arazzo, un serpente ha maledetto l’acqua della foresta. L’unicorno usa i suoi poteri magici “per rimuovere il veleno del serpente dall’acqua, consentendo agli uccelli e alle bestie della foresta […] di placare la loro sete in sicurezza“. Rendendo l’acqua di nuovo sicura, l’unicorno arriva a rappresentare Cristo. Gli arazzi sono anche conosciuti come The Hunt of the Unicorn. All’inizio dell’era cristiana, la gente credeva che l’unicorno fosse una bestia feroce, in parte grazie alle descrizioni di Ctesia della ferocia dell’unicorno. I cacciatori non potevano catturare un unicorno e poteva essere domato solo da una vergine fanciulla.

La fanciulla sarebbe rimasta seduta in silenzio finché l’unicorno non l’avesse trovata. In sua presenza, la bestia divenne docile, anche posando la testa sulle sue ginocchia. A questo punto, i cacciatori potrebbero catturare o uccidere l’unicorno. In The Unicorn Tapestries, la fanciulla distoglie lo sguardo al momento cruento. Non è disposta a riconoscere il suo ruolo nella sua morte? Queste leggende legavano insieme ragazze vergini e unicorni. Alcuni racconti affermavano che l’unicorno potesse percepire l’odore della ragazza. Altri hanno sovrapposto un elemento sessuale alla scena, con l’unicorno che allatta dalla fanciulla.

Cosa rappresentava l’unicorno

unicorni

In queste leggende, l’unicorno viene associato alla purezza. Questo si aggiunge al loro fascino misterioso e selvaggio. La loro ferocia nel combattimento, raffigurata negli Arazzi dell’Unicorno mentre l’unicorno combatte i segugi, diventa la sua forza e potenza.

La purezza dell’unicorno è il motivo per cui i sovrani li hanno spesso adottati come simbolo. C’è un unicorno sulla Fontana del Nettuno di Firenze, che indica la sicurezza dell’acqua all’interno. 

In un racconto biblico, Adamo ha chiamato l’unicorno prima di qualsiasi altro animale. Quando lui ed Eva lasciarono il Giardino dell’Eden, l’unicorno andò con loro. Qui, l’unicorno aggiunge lealtà al suo elenco di virtù. A differenza di Adamo ed Eva, l’unicorno potrebbe tornare nel Giardino ogni secolo. Mangiando la vegetazione e bevendo l’acqua, ha rinnovato la sua forza.

Eppure la sua più grande qualità erano, forse, le proprietà magiche del suo corno.

Le proprietà curative dell’unicorno

unicorni

La gente credeva che il corno potesse purificare i liquidi e che il liquido purificato potesse curare chiunque fosse stato avvelenato. Gli studiosi credevano anche che questo liquido magico potesse curare l’epilessia, una condizione di cui soffriva Joan el Caçador di Aragona. Questo particolare re amava la caccia, ma era anche interessato all’astrologia e all’alchimia. Era anche disperato di possedere il corno di un unicorno. Gli studiosi hanno indicato l’interesse di Giovanna nel possedere un corno come sintomatico della sua volubilità come monarca.

Era disposto a gettare la potenza dello stato dietro il suo desiderio di possedere il corno. In epoca medievale, il fantastico o il mostruoso non sembravano così lontani. Eppure la sua epilessia significa che la sua ricerca del corno non sembra così stravagante. Il conte di Armangac ha inviato un pezzo di corno di unicorno a Joan. Ha avvelenato due cani e ne ha toccato uno con il corno. Secondo i rapporti, il cane non toccato dal corno è morto, mentre l’altro è sopravvissuto.

Venduto in polvere

Carolyn Turgeon sottolinea che la Worshipful Society of Apothecaries, fondata nel 1617, presenta due unicorni sulla sua cresta. Sorprendentemente, molti farmacisti hanno venduto “corno di unicorno in polvere”. Chiaramente non era corno di unicorno. Alcune corna provenivano da narvali, mentre altre potrebbero essere appartenute ad altri animali con le corna come l’orice.

Eppure non era solo il corno ad avere proprietà curative. Ildegarda di Bingen credeva che il fegato di unicorno, mescolato con tuorli d’uovo, potesse curare la lebbra, a meno che Dio non volesse curare il lebbroso. Credeva anche che si potesse indossare una cintura di pelle di unicorno per salvarsi dalla pestilenza. Chissà quali animali hanno usato come sostituti del fegato e della pelle di unicorno?

Gli unicorni esistevano davvero?

Un articolo su BeliefNet.com spiega che puoi trovare la parola “unicorno” nella versione di Re Giacomo della Bibbia nove volte. Le traduzioni successive si riferiscono invece a un bue selvatico. Nessuno sa veramente a cosa si riferisse la parola ebraica originale, re’em. Alcuni studiosi pensano che un bue selvatico o un uro sia più probabile; mentre Matt Simon suggerisce l’orice, il che avrebbe senso dal momento che le persone vendevano le loro corna come corna di unicorno.

Eppure i greci non ne avevano mai visto uno. Così hanno tradotto re’em in monokeros, o “un corno”. Questo è diventato unicornis nella traduzione latina della Bibbia. Quando arriviamo alla versione di Re Giacomo, i traduttori hanno composto la parola “unicorno”.

Seguendo questa linea di pensiero, gli unicorni sono davvero esistiti … ma non come li pensiamo noi.

Alcuni si chiedono se l’unicorno esistesse una volta, ma gli umani lo hanno cacciato fino all’estinzione per il suo corno.

Tiffany Sharples racconta il caso di un cervo con un corno a Firenze nel 2008. Soprannominato “Unicorno”, una mutazione genetica che ha causato il singolo antler del cervo.

Gli animali con “anomalie simili” potrebbero aver aggiunto alla leggenda dell’unicorno nel corso dei secoli? Al giorno d’oggi, sono amati dalle comunità spirituali e New Age. Alcuni praticanti forniscono meditazioni per aiutare a contattare le guide spirituali degli unicorni, mentre altri credono che gli unicorni esistano su un piano diverso. Quando saremo abbastanza puri e ci crederemo abbastanza, magari li rivedremo.

Alessandra Bonadies

Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

Articoli consigliati