Romaeuropa Festival 2018

I numeri della prossima edizione di Romaeuropa Festival 2018, che si svolgerà dal 19 Settembre al 25 Novembre a Roma, sono tantissimi.

27 i luoghi del festival che ospiteranno 68 progetti per 168 repliche oltre a mostre, installazioni, convegni e percorsi di formazione; circa 55.000 postidi spettacolo in vendita, 38 prime nazionali e 29 programmi internazionali, 10 coproduzioni.Romaeuropa

Più di 60 le compagnie di cui 40 per la prima volta al Festival, provenienti da 24 nazionalità differenti per un totale di 311 artisti.

Ad aprire questa edizione di Romaeuropa, il 19 Settembre, è Kirina, un viaggio tra Africa e Occidente all’insegna del movimento e della commistione d’immaginari firmato dal coreografo burkinabé Sergè-Aime Coulibaly e dalla sua Faso Dance Théatre, con i testi dello scrittore e studioso Felwine Sarr, le musiche della cantante icona della world music Rokia Traorè e la presenza live della sua band.

La chiusura di Romaeuropa non poteva che essere un grande evento musicale: il 25 novembre l’appuntamento è all’Auditorium Parco della Musica.

Il Romaeuropa si articola nei tre percorsi STORIE, VISIONI e SUONI, e nelle sezioni DIGITALIVE a cura di Federica Patti, ANNI LUCE a cura di Maura Teofili, DANCING DAYS a cura di Francesca Manica, REf KIDS a cura di Stefania Lo Giudice e nelle attività di incontri e workshop di COMMUNITY a cura di Lara Mastrantonio, Massimo Pasquini e Matteo Antonaci.

Arrivano per la prima volta al Romaeuropa  il libanese Omar Rajeh con la sua compagnia Maqamat e il compositore e artista visivo Zad Moultaka; la francese di origini vietnamite Caroline Guiela Nguyen, la cinese Wen Hui, lo svizzero Milo Rau.

RomaeuropaLe argentine Lola Arias e Cecilia Bengolea, quest’ultima in coppia con il francese François Chaignaud; le cantanti e musiciste Rokia Traorè, Oumou Sangarè  e Angelique Kidjo , la Great Jones Repertory Company de La Mama di New York con la compagnia Motus, Mario Martone, Office for a Human Theater con Filippo Andreatta, Mimmo Cuticchio con Virgilio Sieni.

Il duo francese Tsirihaka Harrivel & Vimala Pons e l’artista visivo e compositore giapponese Rioji Ikeda.

Al loro fianco, oltre ai già annunciati Peter Brook, Hofesh Shechter e Ivo Van Hove, i protagonisti della creazione contemporanea italiana e internazionale ospitati nelle scorse edizioni di Romaeuropa, come Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, Luigi de Angelis e Fanny & Alexander, Tim Etchells con Ant Hampton ma anche gli israeliani Sharon Eyal, Gai Behar e la loro L-E-V o i catalani Agrupación Señor Serrano.Romaeuropa

La musica del nostro tempo è protagonista con  artisti come: John Adams, Cristina Zavalloni, Fabrizio Ottaviucci, Franco D’Andrea, Edison Studio, Fay Victor con Daniele Del Monaco e Marc Ribot, e tutti gli ensemble.

Le orchestre: Orchestra e Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Ensemble Giorgio Bernasconi dell’Accademia Teatro alla Scala, i Solisti dell’Ensemble InterContemporain, il Parco della Musica Contemporanea Ensemble, Solistenensemble Kaleidoskop, Edison Studio, Tempo Reale, Eklekto Ensemble.

Lo splendido salone di Pietro da Cortona di Palazzo Barberini sarà aperto per la performance della compagnia italiana Anagoor.

Negli spazi storici della capitale anche la compositrice Lucia Ronchetti in scena nell’Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano (ex Planetario).

Il Palazzo Falconieri dell’Accademia d’Ungheria in Roma ospiterà il compositore Dániel Dobri; l’Accademia di Francia sarà cornice di una performance dell’iraniano Ali Moini.Romaeuropa

Spazio alla multimedialità anche nella Sala Santa Rita con le installazioni site-specific di NONE Collective e Robert Henke.

Il Mattatoio è “hub” della giovane creazione contemporanea del Romaeuropa.

Qui si esibiscono, per Dancing Days e il network Aerowaves, la coreografa olandese Karen Levi; il greco Christos Papadopoulos, la norvegese Ingrid Berger Myhre, i viennesi Dominik Grünbühel e Luke Baio.

Oltre agli italiani Salvo Lombardo e la sua compagnia Chiasma, Sara Sguotti e Luna Cenere.

A testimoniare l’odierno fermento della scena italiana sono Liv Ferracchiati con The Baby Walk, Chiara Bersani, VicoQuartoMazzini e Fabiana Iaccozzili.Romaeuropa

Per Digitalive: Marco Donnarumma, Quiet Ensemble, Kamilia Kard; dj e compositori emergenti come: Caterina Barbieri, Andrea Familiari con Demetrio Castellucci, Polisonum e altri artisti.

Sempre il Mattatoio si fa spazio dedicato ai bambini e alle famiglie con la programmazione di Romaeuropa  Kids.

Non ci resta che attendere la nuova edizione di Romaeuropa.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *