Home Viaggi Locali Alla scoperta della cucina di Bologna

Alla scoperta della cucina di Bologna

Alla scoperta della cucina di Bologna
0

Bologna, soprannominata “la dotta, la grassa, e la rossa”.

Con l’apertura di FICO Eataly World, Bologna è diventata una capitale culinaria.

Carne e carboidrati sono sicuramente i tratti distintivi della scena gastronomica bolognese.

La città è la culla di lasagne, tagliatelle al ragù, tortelloni e tortellini in brodo, come specialità meno note passatelli e gramigna.cucina di Bologna

Ecco dove andare a mangiare a Bologna

Ristoranti veri della cucina di Bologna sono: la Trattoria della Santa, nel cuore di Bologna, dove potrai assaggiare i veri piatti della cucina bolognese come:  le immancabili lasagne, i tortelli (burro e salvia o panna e prosciutto), i famosissimi tortellini in brodo, le tagliatelle o le pappardelle al ragù, le tipiche cotolette alla bolognese e tante altre gustose specialità.

Dal 1903 c’è il  Ristorante Donatello, qui potete mangiare  i migliori piatti della tradizione bolognese.

Ma anche la Trattoria Osteria Buca Manzoni con le sue buonissime crescentine fatte a mano.

Senza dimenticare il Ristorante da Nello al Montegrappa e il  Ristorante Casa Monica.

Trattoria Bertozzi  produce uno dei migliori piatti di gramigna in città, un tipo di maccheroni cavi a cavatappi. La versione Bertozzi è soffocata da uno zafferano audace e fragrante e da una crema di parmigiano con tocchi di guanciale croccante e zucchine.

Se vuoi una trattoria moderna ma dove si mangiano dei buoni tortellini in brodo, puoi andare da Oltre. Invece se vuoi un trattoria a conduzione familiare c’è il Ristorante Da Cesari, con i suoi tortelloni ripieni.

I Carracci, situato nell’unico hotel di lusso a cinque stelle della città. Inoltre, gli affreschi originali del XV secolo della famiglia Carracci conferiscono un’atmosfera alla sala da pranzo. L’executive chef Claudio Sordi riesce ad elevare i classici bolognesi con elegante modernità. I tortellini, in una salsa di cacio e pepe al parmigiano e un con un porcini secchi e crumble di polvere di olive, sono indimenticabili.

Se vuoi mangiare il bollito misto, una zuppa riscaldante di costolette di carne tagliata sia nobile che frattaglie, con verdure cucinate alla perfezione, ti consiglio il Caminetto d’Oro. Durante la stagione del tartufo, prendete  i passatelli, una pasta bolognese meno cantata a base di pangrattato e parmigiano servita in brodo.

Per l’aperitivo ti consiglio di andare alla Baita Vecchia Malga una salumeria ad hoc dove puoi mangiare i salumi con un buon bicchiere di Lambrusco o di Pignoletto, due vini locali; oppure all’Enoteca Storica Faccioli o ancoraAll’Osteria Bottega, fantastica la sua selezione di salumi.

Se sei di fretta, puoi mangiare un classico panino con la mortazza accompagnato da un buon bicchiere di Franciacorta, in Piazza Maggiore da Pigro.cucina di Bologna

Ma se vuoi un piatto di pasta da fare a casa puoi andare da Bottega Portici. Questo laboratorio di pasta da asporto, di proprietà dell’esclusivo ristorante stellato Michelin dell’hotel Portici, è iniziato come un’estensione dell’hotel in Via Indipendenza. Ora, un secondo avamposto si trova sotto le iconiche due torri e stende la pasta a tutte le ore. Ci sono alcuni tavoli, ma la maggior parte dell’esperienza è nella pasta stessa.

 

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
tags:
Alessandra Bonadies Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Abito a Roma ma sono una gallina padovana. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »