Home Benessere&Salute Disinfettante per le mani o lavaggio delle mani per combattere il Coronavirus

Disinfettante per le mani o lavaggio delle mani per combattere il Coronavirus

Disinfettante per le mani o lavaggio delle mani per combattere il Coronavirus
0

Disinfettante per le mani o lavaggio delle mani: qual è meglio contro il coronavirus?

I supermercati stanno finendo il disinfettante per le mani mentre le persone si affrettano a proteggersi da Covid-19. Ma batte acqua e sapone?

In questo istante le vendite del gel disinfettante per le mani sono aumentate vertiginosamente.

Ma il gel per le mani è davvero efficace contro il coronavirus? E, in tal caso, dovremmo crearne uno nostro se non è disponibile nei negozi o online?

Il disinfettante per le mani non è nuovo.

Nel 1966, Lupe Hernandez, un’infermiera  di Bakersfield, in California, brevettò l’idea di un gel a base di alcol per pulire le mani in assenza di strutture per il lavaggio delle mani.

Tuttavia, non è stato fino alla pandemia di influenza suina H1N1 del 2009 che il prodotto è passato dall’essere utilizzato nelle istituzioni a qualcosa che il pubblico portava con sé. Quell’anno, le vendite di gel e salviette antibatterici negli Stati Uniti sono aumentate di oltre il 70% in sei mesi.

Entro il 2010, piccole bottiglie di roba erano ovunque: dai banchi cassa nelle librerie degli aeroporti ai rivenditori online che offrono distributori personalizzabili.

La popolarità dei gel per le mani non è stata solo guidata dalla paura delle pandemie. Le opportunità lucrative di commercializzarli hanno spinto le vendite: ora sono disponibili in colori graziosi e adatti ai bambini  e con profumi per il benessere  che sono molto lontani dalla versione dall’odore pungente che si trova in ospedali.

I disinfettanti si sono anche evoluti per includere altri ingredienti attivi al posto dell’alcool e ci sono ricette online per crearne uno tuo.

Una buona pulizia suggerisce la vodka. I blogger del benessere cercano cose come l’amamelide e l’aloe vera.

Ma sono efficaci nell’uccidere i germi?

Esperti di igiene, NHS e Public Health England concordano tutti sul fatto che per uccidere la maggior parte dei virus, un disinfettante per le mani richiede almeno il 60% di alcol (la maggior parte contiene il 60-95%). Per quelli con la pelle sensibile, ora ci sono opzioni che non contengono alcol. Per decenni, c’erano anche versioni realizzate con un altro potente agente antibatterico, il triclosan, che si trovava in tutto, dai saponi al dentifricio.

Tuttavia, da allora la ricerca ha scoperto che il triclosan può essere dannoso per il sistema endocrino del corpo e la Food and Drug Administration statunitense ne ha vietato l’uso nei prodotti per l’igiene alla fine del 2017.

Sally Bloomfield, professore alla London School of Hygiene and Tropical Medicine, afferma che i virus sono molto più resistenti ai disinfettanti rispetto ai batteri. Fortunatamente, dice, il coronavirus è un virus dell’involucro, il che significa che ha un rivestimento attorno al quale l’alcool può attaccare, eliminando così la minaccia. (Il norovirus e il rinovirus, al contrario, non lo fanno).

Ciò significa che creare il proprio disinfettante, sebbene potenzialmente efficace contro alcuni batteri, non è qualcosa che Bloomfield consiglierebbe. “È molto poco saggio, pericoloso, persino“, dice.

I prodotti acquistati in negozio contengono anche emollienti per renderli più morbidi sulla pelle, senza i quali corri il rischio di ferirti le mani. Ottenere il mix a casa sarebbe molto complicato, quindi è un grande no-no.

La cosa fondamentale è quando usare un disinfettante per le mani. Covid-19 è una nuova malattia, quindi nessuno sa esattamente come si diffonde.

Secondo il SSN, è probabile che sia attraverso goccioline di tosse diffuse da persona a persona e molto improbabile che venga trasmesso attraverso oggetti, sia che si tratti di pacchetti o cibo.Disinfettante

Il consiglio di Bloomfield è di lavarsi le mani con acqua e sapone.

Se ciò non è possibile, usare il gel per le mani  quando ritorni al tuo “luogo sicuro”, con cui intende la tua casa, la tua scrivania o postazione di lavoro o il tuo posto sul treno o sull’aereo, per esempio.

Evitare di toccare qualsiasi cosa non sia necessario toccare ed essere consapevoli di ciò che si tocca,  come maniglie delle porte e pali degli autobus, e se non è possibile lavarsi le mani o usare il gel dopo essere entrati in contatto con le cose, non toccare la tua faccia.

Un virus ha bisogno di un ospite, cellule viventi, per riprodursi. Quindi non strofinare gli occhi o toccare la bocca o eventuali ferite se le mani non sono pulite.

Tieni le mani pulite fino a quando non hai accesso al gel o puoi lavarle.

L’opzione migliore è acqua e sapone. Secondo uno studio del 2019 dell’American Society for Microbiology, l’uso di acqua corrente e sapone per lavarsi le mani è più efficace di una piccola quantità di gel che non hai ancora strofinato.

Il sapone ha lievi proprietà antibatteriche, ma non uccide i virus.

Tuttavia rimuove lo sporco, quindi bagna le mani con acqua, insaponandole correttamente, su entrambi i lati, tra le dita e sotto le unghie, una mano e poi l’altra.

Sciacquali accuratamente sotto l’acqua corrente per 20 secondi. Il risciacquo completo è la chiave per lavare via tutti i virus. Asciugare bene le mani con un asciugamano monouso, quindi usare quell’asciugamano per chiudere il rubinetto prima di gettarlo via.

Uno studio pubblicato sulla rivista medica Mayo Clinic Proceedings nel 2012 ha concluso che, dal punto di vista dell’igiene: “I tovaglioli di carta sono superiori agli essiccatori ad aria”.

Questo perché gli asciugamani asciugano le mani più rapidamente e in modo più accurato.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
Alessandra Bonadies Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Abito a Roma ma sono una gallina padovana. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »