Home Lifestyle Anna Wintour, la regina della moda

Anna Wintour, la regina della moda

Anna Wintour, la regina della moda
0

Anna Wintour è nata il 3 novembre 1949 a Londra, in Inghilterra, dal redattore di giornali Charles Wintour e dalla filantropa Elinor Wintour.

Nata in una famiglia con una notevole ricchezza, Anna Wintour ha dimostrato la tendenza a fare le cose a modo suo in tenera età.

Ha frequentato gli stessi club londinesi delle più grandi star della cultura pop, compresi i membri dei Beatles e dei Rolling Stones.

Lo stile di gestione e la spinta che Wintour avrebbe mostrato in seguito come editore di una rivista era in parte ispirato dal suo defunto padre, un veterano della Seconda Guerra Mondiale decorato che si era guadagnato una reputazione dura, severa e di talento come direttore del London Evening Standard. Wintour non evitò mai le somiglianze che condivideva con l’uomo noto come “Chilly Charlie”.

Vita personale

Lei e suo marito David Shaffer hanno divorziato nel 1999. La coppia ha due figli: Charles e Katherine. Wintour vive a New York City con il suo fidanzato di lunga data, l’investitore Shelby Bryan.

Carriera editoriale iniziale

Molto prima di Vogue, tuttavia, Wintour iniziò nel dipartimento di moda di Harper’s & Queen a Londra. Nel corso degli anni, è salita sulla scala editoriale ed è rimbalzata da una pubblicazione all’altra tra New York e Londra. Nel 1976, si trasferisce a New York e assume la direzione della moda presso Harper’s Bazaar. Ancora ventenne e ancora a New York, Wintour lasciò Harper per un lavoro alla Viva, una pubblicazione di proprietà dello stesso gruppo che gestiva Penthouse.

Dopo una breve sosta a Savvy, dove è stata nuovamente redattrice di moda della rivista, Wintour ha assunto un lavoro con la rivista New York nel 1981. Sin dall’inizio, Wintour ha mostrato il suo senso dello stile e della direzione, arrivando persino a portare la propria scrivania nel suo nuovo ufficio.

Da “Vogue” britannico a “Vogue” americano

Nel 1986, due anni dopo aver sposato lo psichiatra sudafricano David Shaffer, Wintour tornò a Londra come caporedattore della Vogue britannica di proprietà di Condé Nast. Non sorprende che Wintour avesse le sue idee sulla rivista e su dove doveva andare.

Il suo prossimo grande rifacimento arrivò nel 1987 con un’altra pubblicazione di Condé Nast, Home and Garden, dove cambiò sommariamente il titolo della pubblicazione in HG e riuscì a respingere quasi $ 2 milioni di foto e articoli già pagati.

I brontolii sui cambiamenti di Wintour apparvero rapidamente, ma i suoi capi di Condé Nast erano chiaramente dietro di lei, distribuendo uno stipendio di oltre $ 200.000 al suo editore esigente e concedendo un’indennità annuale di $ 25.000 per vestiti e altri servizi. Inoltre, i proprietari della rivista organizzarono voli Concorde tra New York e Londra in modo che Wintour e suo marito potessero stare insieme.Anna Wintour

Anna Wintour: porre fine all’era della supermodella, introducendo la moda high-low

La permanenza di Anna Wintour presso HG non durò a lungo. Nel 1988, è stata nominata caporedattore di Vogue, permettendo il suo ritorno a New York. La mossa di Condé Nast arrivò in un momento in cui la sua pubblicazione di moda firmata era a un bivio. Rivista che era stata in prima linea nel mondo della moda dai primi anni ’60, Vogue si ritrovò improvvisamente a perdere terreno a favore di una Elle di tre anni, che aveva già raggiunto una diffusione pagata di 850.000. Nel frattempo, la base di abbonati di Vogue era stagnante di 1,2 milioni.

Temendo che la rivista fosse diventata compiaciuta o peggio, noiosa, Wintour fu collocata in cima alla testata editoriale con tutta la libertà, per non parlare del sostegno finanziario, di cui aveva bisogno per rivitalizzare la pubblicazione. Nel suo regno di tre decenni alla rivista, Wintour ha più che compiuto la sua missione, ripristinando la preminenza di Vogue.

Ha decisamente definito la fine dell’era della top model, mostrando una preferenza per le celebrità piuttosto che per le modelle sulle sue copertine. Wintour è stata anche la prima a mescolare davvero articoli di moda di fascia bassa con pezzi più costosi nei suoi servizi fotografici. La sua copertina di debutto nel novembre 1988 includeva un modello israeliano di 19 anni equipaggiato con un paio di jeans da $ 50 e una maglietta incastonata con gioielli da $ 10.000.

Prolific Fashion Influencer

Anna Wintour è diventata una forza nel mondo della moda, non solo attraverso le sue decisioni su cosa presentare nella sua rivista, ma anche rompendo nuovi designer e celebrando i loro stili. Ha contribuito alla carriera di designer come Marc Jacobs e Alexander McQueen. Negli ultimi anni, il suo lavoro l’ha resa un mediatore di potere tra designer e rivenditori. Nel 2006, ha avviato un accordo tra il designer maschile Thom Browne e Brooks Brothers, che ha comportato la comparsa del lavoro di Brown in 90 negozi del rivenditore.

Nel corso degli anni, Wintour ha sviluppato una reputazione di essere distaccata e fredda. È stato detto che è difficile lavorare per lei e che insiste sul fatto che il suo staff sia sempre alla moda e snello.

Anna Wintour, una madre di due figli che indossava notoriamente minigonne Chanel durante le sue gravidanze, non nega esattamente di poter essere una persona esigente per cui lavorare.

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn
Alessandra Bonadies Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »