Home Culture Apolide Festival 2018
Apolide Festival 2018

Apolide Festival 2018

0

Nel verde di Pianezze di Vialfrè, un anfiteatro naturale scavato dal ghiaccio e circondato dalle colline; tra gli alberi di un bosco grande più di 100.000 mq.

In Piemonte, nelle valli del Canavese, dopo l’enorme successo dello scorso anno, torna dal 19 al 22 luglio 2018 Apolide Festival.

apolide

Apolide significa senza cittadinanza, senza casa.

Il festival nasce 15 anni fa grazie all’associazione To Locals, nel piccolissimo paese di Alpette (To), con il nome di Alpette Rock Free Festival.

Un appuntamento cult dell’estate piemontese da cui sono passate le migliori rock band del panorama italiano.

Nel 2014, a un mese dal suo inizio e senza preavviso, l’associazione è stata costretta dalle autorità locali a spostare l’evento nel comune di Vialfrè.

Da allora il festival diventa Apolide, cresce di anno in anno, si apre a una line-up internazionale e ospita, tra gli altri, nomi del calibro di Public Service Broadcasting (UK), Hercules & Love Affair (USA), Jain (FR), Tiggs Da Author (UK), XIXA (USA) e Warhaus (BE).

Performance, installazioni luminose, arte, letteratura, sport, enogastronomia, campeggio e relax, immersi nella natura: questo e tanto altro è Apolide Festival.

Dal 2017, l’evento è entrato a far parte di ​Italian Quality Music Festival ​insieme a Siren Festival, Ypsigrock Festival, Miami Festival, Home Festival, Design Week Festival, Spring Attitude, rOBOT Festival; dal 2018 di ETEP, lo European Talent Exchange Program insieme ai più grandi festival del mondo .

apolide

Saranno anche quest’anno tre i palchi su cui si alterneranno oltre 50 artisti provenienti da tutto il mondo.

Il MAIN STAGE, il BOOBS STAGE, un’area raccolta dedicata a chi ama concerti acustici, spettacoli teatrali, incontri e reading; il SOUNDWOOD STAGE, per gli amanti dell’elettronica e della sperimentazione sonora.

I PRIMI NOMI DELLA LINE-UP 2018

Un festival “apolide” non poteva non avere nella sua line-up la songwriter anglo-tedesca ma cresciuta in Canada Alice Merton, che canta la bellezza del non avere radici.

Nuova stella del pop internazionale, con il suo singolo “No roots” ha conquistato l’airplay e la vetta delle classifiche di tutto il mondo.

È una vita nomade anche quella dell’istrionico polistrumentista afro-belga Témé Tan.

Sul palco di Apolide presenterà il suo album d’esordio omonimo, osannato dalla critica internazionale.  Un mix che ha fatto innamorare i produttori di Playstation FiFA 2018 che hanno sincronizzato nel videogame il suo singolo “Ça Va Pas La Tête”.

I Ministri, reduci dal successo del tour nei club di “Fidatevi”, promettono di far ascoltare un live suonato dalla prima all’ultima nota, senza l’ausilio della tecnologia.

Andrea Poggio, nuova rivelazione della scena cantautoriale italiana, suonerà i brani di “Controluce”, il suo sorprendente disco d’esordio edito da La Tempesta Dischi.

Joan Thiele, artista pop di origini italo-svizzero-colombiane presenterà l’ultimo singolo “Polite” tra groove funky e atmosfere synth pop.

Bruno Belissimo, produttore e polistrumentista Italo-Canadese porterà ad Apolide il suo sound unico influenzato dai classici dell’italo/space disco italiana e dalle colonne sonore dei film horror/sci-fi di fine anni ’70.

Inoltre ci sarà Populous, dj e producer salentino tra i più interessanti e più conosciuti a livello internazionale, con il suo set farà ballare fino a tarda notte il pubblico del festival.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Alessandra Bonadies Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Abito a Roma ma sono una gallina padovana.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *