Hanukkah 2021, dalla storia alle tradizioni

Hanukkah 2021 inizia il 28 novembre e finisce il 6 dicembre

Detto anche il Festival delle luci, è una celebrazione di otto giorni che cade ogni anno nella data del calendario ebraico del 25 Kislev, che generalmente cade a dicembre nel calendario gregoriano.

Hanukkah, chiamata anche Chanukkah, celebra la ridedicazione del secondo tempio ebraico a Gerusalemme.

Hanukkah

La storia della Hanukkah

La celebrazione ebraica di otto giorni nota come Hanukkah o Chanukah commemora la ridedicazione durante il II secolo a.C. del Secondo Tempio di Gerusalemme, dove gli ebrei si erano ribellati contro i loro oppressori greco-siriani nella rivolta dei Maccabei.

Questo gruppo di ebrei è conosciuto come i Maccabei. Il nome è stato formato dalle prime lettere di una frase ebraica, “Mi Kamocha Ba’eilim Hashem“, che si traduce in “Chi è come te, Dio“.

Intorno al 200 a.C., la Giudea, l’odierna Israele / Palestina, passò sotto il controllo di Antioco III, il re seleucide di Siria, che permise agli ebrei che vivevano lì di continuare a praticare la loro religione. Suo figlio, Antioco IV Epifane, si dimostrò meno benevolo. Fonti antiche raccontano che mise fuori legge la religione ebraica e ordinò agli ebrei di adorare gli dei greci.

Nel 168 a.C., i soldati di Antioco IV Epifane scesero su Gerusalemme, massacrando migliaia di persone e profanando il sacro Secondo Tempio della città erigendo un altare a Zeus e sacrificando i maiali all’interno delle sue sacre mura. Guidata dal sacerdote ebreo Mattatia e dai suoi cinque figli, scoppiò una ribellione contro Antioco e la monarchia seleucide.

Quando Mattia morì nel 166 a.C., suo figlio Giuda, noto come Giuda Maccabeo, prese il timone. Entro due anni gli ebrei avevano cacciato con successo i siriani da Gerusalemme. Le rivolte si sono rivelate un successo e gli ebrei hanno riguadagnato i diritti di praticare la loro religione nei loro templi.

Giuda invitò i suoi seguaci a purificare il tempio e ad accendere una menorah con olio che era stato benedetto dal sommo sacerdote per tutta la notte ogni notte finché il nuovo altare non fosse stato costruito su quello vecchio.

Questo è il candelabro d’oro i cui sette rami rappresentavano la conoscenza e la creazione e doveva essere tenuto acceso ogni notte.

Ma era rimasta solo una fiaschetta di olio che sarebbe durata solo una notte.

L’hanno acceso lo stesso ed è rimasto acceso per otto giorni, il tempo necessario per spremere l’olio nuovo.

Secondo il Talmud, uno dei testi più centrali del giudaismo, Judah Maccabee e gli altri ebrei che hanno preso parte alla ridedicazione del Secondo Tempio hanno assistito a quello che credevano fosse un miracolo.

Anche se c’era solo abbastanza olio d’oliva non contaminato per mantenere accese le candele della menorah per un solo giorno, le fiamme continuarono a tremolare per otto notti, lasciando loro il tempo di trovare una nuova scorta.

Questo meraviglioso evento ha ispirato i saggi ebrei a proclamare una festa annuale di otto giorni.

Hanukkah 2021, la festa viene celebrata con l’accensione della menorah, cibi tradizionali, giochi e regali.

Accensione della menorah

Hannukah

La menorah era un candelabro a sette bracci che illuminava l’antico tempio di Gerusalemme. Era illuminato solo da olio d’oliva speciale e ritualmente puro, olio d’oliva che impiegava più di una settimana per essere preparato. 

In commemorazione di quel miracolo e della vittoria dei Maccabei, gli ebrei accendono menorah a nove rami (una menorah per Hanukkah è chiamata hanukkiah) per tutti gli otto giorni della festa di Hanukkah. Sono tradizionalmente posizionati nelle finestre per essere visibili al resto del mondo.

Mangiare latkes, sufganiyot e altri cibi fritti

Hannukah

Un altro modo in cui gli ebrei commemorano il miracolo dell’olio è mangiando cibi fritti. I due più tradizionali sono i latkes (frittelle di patate fritte) e i sufganiyot (ciambelle di gelatina).

Hanukkah

La storia di Hannukah non compare nella Torah perché gli eventi che hanno ispirato la festa si sono verificati dopo che è stata scritta. È, tuttavia, menzionato nel Nuovo Testamento, in cui Gesù partecipa a una “Festa della dedicazione”.

Ti consiglio di leggere anche Etai Drori, l’artista che reinventa i marchi di lusso

Alessandra Bonadies

Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

Articoli consigliati