Jonathan Bailey: Il visconte Anthony in Bridgerton

Jonathan Bailey: Il visconte Anthony in Bridgerton

Jonathan Bailey nasce a Wallingford, nel Regno Unito, il 25 Aprile 1988. Inizia la carriera d’attore all’età di 9 anni, facendo la  sua prima apparizione nella serie Bramwell.

Jonathan-Bailey

Dopo aver interpretato piccole parti in varie serie televisive e film, Bailey ottiene il ruolo di protagonista come appassionato di sport nella sitcom Campus. Nel 2011, invece, interpreta Leonardo da Vinci nella serie Leonardo.

Nel 2019 vince il Laurence Olivier Award al miglior attore non protagonista in un musical, riconoscimento teatrale consegnato ai migliori attori non protagonisti in musical nuovi o revival, per Company.

Vita Privata

Della vita privata di Jonathan Bailey si sa ben poco, essendo molto riservato non si sa se sia fidanzato o meno. E’ dichiaratamente gay e l’attore si è anche espresso più volte circa le poche possibilità per gli attori gay di interpretare personaggi eterosessuali, dichiarando:

Penso che non dovrebbe importare affatto quale personaggio venga interpretato dalle persone… Molti uomini eterosessuali hanno continuato ad interpretare ruoli gay iconici e sono stati lodati per questo. Non sarebbe fantastico vedere anche uomini gay interpretare altri ruoli basandosi sulla propria esperienza?

Il suo profilo Instagram, attualmente, conta oltre 275 mila followers.

La carriera di Jonathan Bailey

Teatro

  • Canto di Natale, di Charles Dickens, regia di Ian Judge (1995)
  • Les Misérables, libretto di Alain Boublil e Herbert Kretzmer, regia di Trevor Nunn e John Caird (1995)
  • Re Giovanni, di William Shakespeare, regia di Gregory Doran (2003)
  • Beautiful Thing, di Jonathan Harvey, regia di Tony Frow (2006)
  • Pretend You Have Big Buildings, di Ben Musgrave, regia di Jo Combes e Sarah Frankcom (2007)
  • The Mother Ship, di Douglas Maxwell, regia di Ben Payne (2008)
  • Girl with a Pearl Earring, di David Joss Buckley, regia di Joe Dowling (2008)
  • The House of Special Purpose, di Heidi Thomas, regia di Howard Davies (2009)
  • South Downs, di David Hare, regia di Jeremy Herrin (2011-2012)
  • Otello, di William Shakespeare, regia di Nicholas Hytner (2013)
  • American Psycho, regia di Rupert Goold (2013)
  • The Last Five Years, colonna sonora, libretto e regia di Jason Robert Brown (2016)
  • Re Lear, di William Shakespeare, regia di Jonathan Munby (2017)
  • The York Realist, di Peter Gill, regia di Robert Hastie (2018)
  • Company, colonna sonora di Stephen Sondheim, libretto di George Furth, regia di Marianne Elliott. (2018)

Cinema

  • 5 Children and It regia di John Stephenson (2004)
  • Elizabeth: The Golden Age regia di Shekhar Kapur (2007)
  • St. Trinian’s regia di Oliver Parker (2007)
  • Permanent Vocation regia di W. Scott Peake (2007)
  • Testament of Youth, regia di James Kent (2014)
  • Il mistero di Donald C. (The Mercy), regia di James Marsh (2018)

Televisione

  • Bramwell – serie TV, episodio 3×06 (1997)
  • Bright Hair – (1997)
  • Alice through the Looking Glass, regia di John Henderson – film TV (1998)
  • Baddiel’s Syndrome – (2001)
  • The Golden Hour (2005)
  • Walk Away and I Stumble, regia di Nick Hurran – film TV (2005)
  • Doctors – soap opera (2007)
  • Metropolitan Police (The Bill) (2008)
  • Off the Hook  (2009)
  • Campus (2011)
  • Leonardo (2011-2012)
  • Me and Mrs. Jones  (2012)
  • Groove High  (2012-2013)
  • Broadchurch  (2013)
  • Crashing  (2016)
  • Le avventure di Hooten & the Lady (Hooten & the Lady), 6 episodi (2016)
  • Jack Ryan, 3 episodi (2018)
  • Bridgerton (2020)

Ti consiglio di leggere: Rege Jean Page: il Duca di Hastings in Bridgerton

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn

Sara Somma

Sara, classe 1994, vivo in provincia di Salerno. Studio Economia & Management ma con una grande passione per la pasticceria.

Articoli consigliati

Translate »