Home Lifestyle L’ultima Lezione di Randy Pausch
L’ultima Lezione di Randy Pausch

L’ultima Lezione di Randy Pausch

0

IMG_20160409_153405Cosa fareste se foste un blasonato professore e vi chiedessero di tenere la vostra ultima lezione?

Lui è Randy Pausch, anzi il professor Randy: ingegnere, docente universitario, marito, padre.. e malato di tumore allo stadio terminale.

Ma questo libro non parla di fine, non parla di morte e nessun filo di tristezza lo percorre, anzi le sue parole me lo fanno immaginare sorridente e divertito mentre scrive.

Scrive, insegna e intanto fa le chemio. Scrive e ricorda.

Tutta la sua esistenza scorre in quelle pagine e Randy racconta, spiega, vive. Nella sua “ultima lezione” passa in rassegna le tappe fondamentali della sua vita, partendo dalla lista dei desideri di quando aveva otto anni, fino al tumore e ne trae degli insegnamenti universali.

” se c’è un consiglio che mi sento di darvi è -dite la verità-. E se dovessi darvene un altro sarebbe -tutte le volte-. I miei genitori mi hanno insegnato che -vali quanto le tue parole- e non c’è modo migliore di questo per dimostrarlo.” (cit.)

Il titolo originale inglese è “Really Achieving Your Childhood Dreams”  cioè “Realizzare davvero i sogni d’infanzia” e se quest’ uomo in punto di morte ancora riesce a sognare è perchè ha sempre tenuto bene a mente che ” […] il fallimento non solo va accettato, ma spesso è essenziale.” (cit.)

 Sapete la cosa bella qual è? Che tutta questa vita, questa storia così buffa che fa sorridere e a volte piangere..

È vera. Tutta vera. E’ la testimonianza straordinaria di una vita resa unica dall’intensità con cui è stata vissuta.

Una vita vera, quella di quest uomo: una vita, di #millevite.

Enjoy the Book! Randy Pausch – L’ultima lezione
Enjoy the video! Randy Pausch – The Last Lecture

@connieciocia

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Connie Appassionata di Fotografia e di Libri, nel tempo libero mi dedico al graphic design. Studio Linguistica e Lingua dei Segni, amo la buona cucina. Da grande ... voglio fare il dinosauro!

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *