Movimento in gravidanza

Yoga prenatale

Movimento in gravidanza si può fare?

Movimento in gravidanza, molte future mamme pensano non si possa fare o ancora peggio che potrebbe nuocere alla salute.
Ma questo é davvero così? Scopriamolo insieme!
In realtà é proprio il contrario, muoversi durante la gravidanza fa solo bene alla salute! Ci fa stare meglio, aumenta la vitalità, l’energia e l’umore.

Il movimento libero e spontaneo é molto importante durante la gravidanza.

Il movimento serve perché ci permette di sentire e di “osservare” internamente, incoraggia la consapevolezza del nostro corpo. Inoltre accompagna le modificazioni della gravidanza come lo spostamento del baricentro dovuto al rapido aumento del volume dell’utero. Il movimento aumenta l’elasticità ed il tono e migliora la circolazione e la respirazione.
Facendo movimento si prevengono i più comuni disturbi come il mal di schiena o male alle articolazioni. Ci permette di rilassare mente e corpo migliorando il sonno!
Vedi quanto é importante il movimento quotidiano? Anche durante il travaglio esso rappresenta una delle cose fondamentali. Infatti, attraverso il movimento, si sviluppano le risorse per per gestire le sensazioni ed il dolore in travaglio. Se si é fatto movimento quotidiano durante la gravidanza sarà più facile assumere determinate posizioni durante il travaglio. Il movimento facilita la progressione e l’andamento del travaglio e favorisce e velocizza la ripresa corporea del dopo nascita.
Gli studi scientifici incoraggiano il movimento in gravidanza:
“le donne gravide che non presentano problemi medici o ostetrici dovrebbero venir incoraggiate a fare esercizi regolarmente.”
“i benefici sono sia fisici che psicologici. Gli esercizi in gravidanza riducono sintomi somatici, ansia, insonnia e promuovono un buon livello di benessere psico-fisico.”
Journal of midwifery and woman’s health vol 53 March 2008
Movimento in gravidanza

Proviamo ad analizzare quali sono i motivi per cui non facciamo movimento:

1. Stanchezza: spesso in gravidanza e sopratutto nell’ultimo trimestre siamo stanche. Stufe di portare in giro quel pancione, stufe dell’attesa. Spesso non vediamo l’ora che arrivi il termine di gravidanza!
Se siamo stanche ancora prima di iniziare a muoverci, allora dobbiamo adattare i nostri livelli di energia. Invece di partite a mille con gli esercizi prendiamo un momento per rilassare mente e corpo, poi una volta terminata la sessione di rilassamento ci attiviamo e ci muoviamo.
2. Mancanza di tempo: prima della nascita siamo molto frenetiche e non abbiamo mai tempo perché “deve essere tutto pronto”. Quindi corriamo di là e di qua per preparare il nido, per acquistare le ultime cose, per montare il seggiolino, per montare il lettino e quindi si pensa di non avere mai tempo. Ma gli esercizi sono pochi e si possono fare in pochissimo tempo!
3. Paura di indurre attività contrattile: ricordiamoci però che i muscoli sono fatti per contrarsi e tornare al tono di base. Se io ho quotidianamente contrazioni del fascio muscolare uterino é una cosa positiva perché mi sto allenando (in assenza di perdite, attività contrattile regolare e dolore). É un po’ come se dovessi correre una maratona, prima della maratona mi alleno e poi faccio la gara. Quindi prima del parto mi alleno e poi partorisco.

Cosa raccomandano le linee guida?

Le linee guida e le raccomandazioni suggeriscono 30 minuti o più di esercizio moderato ogni giorno o almeno 3 volte la settimana per raggiungere complessivamente almeno 150 minuti alla settimana.
Quindi donne, il movimento deve fare parte della vita quotidiana! Deve essere integrato nel nostro comportamento perché porta ad esiti di salute migliori sia per la mamma che per il bimbo che portiamo in grembo.
Ti consiglio di leggere anche Sport in gravidanza
Ostetrica Rachel Xarah Pennings

Articoli consigliati