Come sopravvivere alle serate difficili? 

cordone ombelicale

Come sopravvivere alle serate difficili, ecco qualche consiglio ⁣

Quelle sere in cui continua a piangere, ormai hai mal di testa, le hai provate tutte.

L’hai cambiato, l’hai controllato tutto, non ha la febbre, non ha fame.Ma allora cosa c’è?⁣

Molto semplice. La sera é il momento in cui il neonato elabora gli stimoli ricevuti durante il giorno. Gli stimoli possono essere diversi come i rumori circostanti, gli odori diversi, le stimolazioni tattili, la luce.
Tutto ciò a cui ancora non é abituato, tutto ciò da cui veniva protetto nell’ambiente uterino.⁣
 sopravvivere alle serate difficili

Ma allora cosa posso fare per sopravvivere alle serate difficili?

Aiutano tutte quelle tecniche che sono in grado di rilassare il neonato. Le tecniche sono molteplici ma non é detto che siano adatte tutte. Bisogna sperimentare e trovare la propria tecnica. Qui ve ne elenco alcune.⁣

Il pelle a pelle o skin to skin, i due corpi che si scaldano, vicino al cuore della mamma con il profumo della pelle di mamma.⁣

Il babywearing, il contatto con la mamma, fasciato, adeso al corpo. Con i dondolii dei passi, un po’ ricorda il dondolio dentro alla pancia.⁣

La musica, sentire le canzoni che ascoltava la mamma durante la gravidanza o quelle che avete sempre ascoltato insieme.⁣

Il massaggio, la tecnica del massaggio é molto utile, scalda il corpo, possiamo abbinarlo ad una storiella.⁣

Un bagnetto caldo. A chi non rilassa un bel bagno caldo?⁣

Possiamo cullare il bambino oppure dare dei leggeri colpetti sul sedere.⁣

Sono tutti metodi di rilassamento, ma non é detto che funzionino per tutti.⁣

Voi le avete sperimentate?

Ti consiglio di leggere

“I bambini sensibili hanno una marcia in più” di Rolf Sellin

Rachel Pennings

Articoli consigliati