Home Lifestyle Quanto durano gli oggetti che abbiamo in casa?

Quanto durano gli oggetti che abbiamo in casa?

0

img_5588Vi siete mai chiesti quanto durano gli oggetti?

Sposata da 39 anni, ho cambiato 2 case e, tolti i mobili della mia famiglia di origine che amo profondamente, da cui non mi separerei mai, ho cambiato diverse volte gli arredi a seconda delle esigenze del momento. Esigenze spesso imputabili ai cani/gatti e al loro avvicendarsi nella nostra vita di famiglia che ha avuto nel passato, ma anche nel presente, più componenti pelosi che umani. Sono solita dire che ho sempre la casa in viaggio e di certo non mi annoio! Un giorno dovrò stilare un elenco di cosa è successo agli arredi che via via abbiamo eliminato…no però questa ve la devo proprio raccontare. Non trovavamo più il nostro Simba, un bel micio bianco e rosso tigrato che mia figlia aveva raccolto e portato a casa a soli 8 giorni di vita. Questo gatto ha una storia pazzesca, incredibile e magari un giorno ve la racconto, ma ora veniamo al fatto. Cerca che ti cerca, chiama Simba all’infinito, il micione oramai cresciuto non si trovava da nessuna parte. Sconfortati già ci immaginavamo scene disperate di incidenti stradali, avvelenamenti o lotte all’ultimo sangue con altri gatti di quartiere, se non che, nel tardo pomeriggio, vedo che sbuca da sotto…cioè sotto si, ma anche da dentro la poltrona che avevamo a quel tempo. In pratica si era fatto un buco e un corridoio all’interno dell’imbottitura e quella era la sua cuccia preferita! Dopo il primo sbigottimento, non ci siamo arrabbiati tanto era il sollievo che a Simba non fosse accaduto niente di male…e la poltrona,  bè pazienza! Per non perdere il filo della domanda iniziale e cioè quanto durano gli oggetti che abbiamo in casa, se per oggetti intendiamo divani (forse poco se hai un gatto o un cucciolo di labrador come me), materassi, elettrodomestici eccetera, ecco cosa dicono gli esperti.

img_5584Il Materasso. Il materasso incide non poco sulla salute e il benessere, dopo 8-10 anni cede e va cambiato per garantire un riposo adeguato e va scelto con cura. Se la durata della parte meccanica del materasso è di circa 10 anni, quella igienica è di 7-8 anni, per l’accumulo di acari, polveri, umori che aggrediscono le parti imbottite. Con una buona manutenzione, arieggiando e lavando le federe, gli si allunga la vita.

img_5587Divani e poltrone.  Gli imbottiti sono tra gli arredi che durano di più a livello strutturale. Per loro vale il plus della qualità dei materiali, attestati di certificati di garanzia dei produttori.  La garanzia va sulla struttura e non sul tessuto, che è soggetto a un’usura intensa e perciò è bene chiedere al produttore se in magazzino ha i tessuti per tutti i modelli, perché i costi del tappezziere sono maggiori e spesso, con risultati meno buoni. Ogni imbottitura è destinata a cedere negli anni, specie se sottoposta a un’usura intensa, conviene sostituire il divano o la poltrona. Ci viene incontro la finanziaria, con gli incentivi del “bonus mobili” prorogato al 2017, ma solo se l’acquisto è legato a una ristrutturazione.

img_5591La cucina. Se la cucina è prodotta a regola d’arte ha un manuale per l’uso e la manutenzione corretti di cerniere, meccanismi, cappe e lavelli così dureranno più a lungo. Per i nuovi acquisti: ante e piani di lavoro in materiali anti usura, graffi e urti; cerniere collaudate per almeno 60mila cicli di apertura, con sistemi di regolazione; cassetti a prova di almeno 20mila cicli d’uso (circa 10 anni), con tenuta di 30 kg; pensili con agganci a prova di tenuta di 70 kg; vetri temperati anti-rottura.

img_5593La lavatrice. Come per i principali elettrodomestici, è bene pensare di sostituire la lavatrice quando è molto vecchia (15 anni sono una bella età) optando per una a basso consumo. Nella scelta della nuova,  puntare a una classe energetica alta, chiedere se è silenziosa e informarsi se è disponibile con lavaggio misto aria-acqua (gli ultimi modelli immettono una carica di ossigeno che genera un forte attrito sullo sporco senza sciupare i capi).

img_5599Il frigorifero. Spesso la decisione di  cambiarlo coincide con un guasto irreparabile o costoso (motore e compressore) o con l’esigenza di una capacità diversa. La vita media di un frigorifero è di 12 anni e se comincia a dare problemi, può essere conveniente sostituirlo  piuttosto che ripararlo. Per legge, il fornitore deve ritirare gratuitamente il vecchio apparecchio alla consegna del nuovo. Se si ha già un frigorifero  di classe A da pochi anni, può essere vantaggioso chiedere un preventivo all’assistenza della casa produttrice. Info: elettronet.it.

Ciao a tutti e alla prossima…no un momento, lascio la foto anche di Simba, il gatto che dormiva dentro la poltrona!

simba

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Carla Zanutto Mi occupo di fitness. Sono mamma e nonna. Ho tre Labrador e un'adorabile meticcia. Da 6 anni faccio parte del Pengo Life Peoject, un progetto italiano per la tutela e la salvaguardia dell'Elefante Africano in Kenya. Nel tempo libero mi trovi incollata tra le pagine di un libro.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *