Home Travel Acquario di Genova con i bimbi
Acquario di Genova con i bimbi

Acquario di Genova con i bimbi

0

acquario

 

Visita all’acquario di Genova.

 

Avendo i bimbi piccoli abbiamo deciso di andare in auto. È comodissimo, ci sono chiare indicazioni già uscendo dall’autostrada e poi in sopraelevata, si arriva al parcheggio senza difficoltà.

 

IL PERCORSO

La visita inizia con “pianeta blu”, un film interattivo con video di animali marini di tutto il mondo, e procede con le vasche dei cavallucci marini, la parete rocciosa con il pagello e lo scorfano e la vasca del polipo. 

Si arriva alla vasca dei lamantini e immediatamente dopo quella degli squali, che sono bellissimi ma, personalmente, mettono sempre un’ansia!

acquario di Genova

Dopo la vasca che ricrea l’ambiente delle Cinque terre si arriva a quella delle foche e la zona dell’Antartide con i pinguini.

acquario di Genova

Si arriva a questo punto alla grande vasca dei delfini, che da sola merita la tutta visita, e poi alla vasca tattile delle razze, che sono ruvide come la lingua dei gatti, e appena vedono qualcuno che si avvicina arrivano per farsi accarezzare. 

 

Si prosegue con la costa rocciosa del mediterraneo con il corallo, la laguna indo-pacifica, le foreste tropicali africane, le foreste Madagascar e quelle del sudamerica, poi le vasche dei fiumi dell’Asia e la scogliera tropicale.

Il percorso termina con la foresta umida del Centro America, il rio amazzoni e le mangrovie e infine la sala delle meduse.

Per completare con calma tutto il percorso ci vogliono circa due ore e mezza.

ACCESSIBILITÀ

Prevedendo di portare il passeggino avevo in precedenza contattato l’acquario e chiesto se il percorso fosse fattibile. L’accessibilità in effetti è consentita in ogni zona tramite ascensori: si passa comodamente dal primo piano al livello -2.

 

PRO E CONTRO

Non lo visitavo da una ventina di anni se non di più ed è cambiato tantissimo. Però è sempre affascinante e lascia stupiti e a bocca aperta, a qualsiasi età. Davanti alla vasca dei delfini, oppure ad accarezzare le razze, avrei passato il pomeriggio intero. 

Un punto per il bagno, dotato di un bel fasciatoio grande e comodo: ho due bimbi piccoli e giriamo parecchio, e uno dei miei criteri di valutazione è questo. Un altro punto per le panchine disseminate lungo il percorso, molto apprezzate perché comode per riposarsi o nel mio caso allattare il bebè.

L’unica difficoltà trovata è stata uscire. L’uscita è ben indicata per il percorso a piedi, ma non è stato semplice raggiungerla usando gli ascensori. Abbiamo dovuto chiedere svariate volte e fare dei tratti “contromano”, cioè in senso contrario, ovviamente autorizzati dal personale.

acquario di Genova

 

 

I bimbi fino a tre anni non pagano.

 

 

Sara Cipollina

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *