Home Culture I film di donne coraggiose
I film di donne coraggiose

I film di donne coraggiose

0

Festa della donna per molti è mimosa e uscita con le amiche.

Per me non lo è e anche per molte altre donne.

Vi consiglio qualche film da vedere oggi ma anche domani che raccontano la forza, il coraggio e il ruolo che  hanno avuto nel passato e la loro importanza.

The Help.

E’ un film del 2011 ed è  diretto da Tate Taylor e tratto tratto dall’omonimo romanzo di Kathryn Stockett, è ambientato negli anni 60 a Jackson, nel Mississippi, e racconta del rapporto fra tre donne straordinarie, la cui amicizia è legata ad un manoscritto segreto che infrange le regole sociali e le mette in pericolo.

Mona Lisa Smile.

 Un bellissimo film con Julia Roberts. Nell’autunno del 1953 arriva nel prestigioso college femminile di Wellesley una nuova insegnante di Storia dell’arte, Katherine Watson, che con le sue idee riformiste porta scompiglio nell’atmosfera ottusa, repressiva e conformista dell’università, insegnando alle sue studentesse come allargare i loro orizzonti per una vita futura che non deve per forza essere circoscritta al ruolo di perfette mogli e padrone di casa…

Erin Brockovich- Forte come la verità.

  Erin ha due matrimoni falliti alle spalle e tre bambini . Non ha un lavoro, non può pagare le bollette, e per di più il tribunale le ha dato torto nella causa per un incidente d’auto di cui era rimasta vittima. Disperata, va da Ed, l’avvocato che l’aveva difesa, e lo supplica di darle un lavoro nel suo studio, uno qualunque. Incaricata di archiviare le vecchie pratiche, Erin si imbatte per caso in alcuni referti medici contenuti in un fascicolo di tutt’altro argomento. Incuriosita comincia a leggerle, per poi accorgersi del motivo: si tratta di un abile sistema per coprire un gravissimo caso di avvelenamento delle acque.

Prendimi l’anima.

La vicenda di Sabina Spielrein è nota: nel 1977, a Ginevra, negli scantinati del Palais Wilson, vecchia sede dell’Istituto di Psicologia svizzero, venne casualmente trovata la corrispondenza originale tra Jung, Freud e Sabina Spielrein. Si scoprì che Sabina Spielrein, una ragazza ebrea di origine russa, era stata la prima paziente, affetta da una grave forma di isteria, curata e guarita con successo a Zurigo dal giovane Jung col metodo freudiano. Ma si scoprì anche che durante la terapia Sabina si era perdutamente innamorata del suo medico.

Il Colore Viola.

Un vecchio film del 1985 di  Steven Spielberg e con  Whoopi Goldberg. Un film ambientato nei primi anni del Novecento  in Georgia. Celia, una adolescente di colore, viene violentata da quello che ritiene sia suo padre e dà alla luce due figli che le vengono portati via. L’uomo la cede in sposa ad Albert, un vedovo con quattro bambini,  uomo violento e manesco. A Celia non resta che l’affetto per Nettie, la sorella minore, che un giorno si presenta a casa sua in cerca di ospitalità e aiuto. Ma Celia una schiava, disprezzata e maltrattata dal marito, ancora più brutale del primo, comincia anche a insidiare Nettie, che lo respinge con decisione. Cacciata da casa Nettie in seguito alla sua “ribellione”, alla povera Celie non resta che piegarsi alla vita da schiava. Dopo moltissimi anni  potrà riabbracciare, in un prato di fiori viola, la sorella e i figli.

Anna and the King.

Nel 1862 Anna Leonowens, insegnante inglese da poco vedova, arriva nel Siam insieme al figlio. A Bangkok ha accettato di fare da precettrice ai 58 figli di re Mongkut. Anna vuole mettere in campo la propria superiorità, fino a quando non si rende conto che anche il re la ricambia con le stesse sensazioni.  Arriva la festa per l’anniversario di Mongkut e Anna si incarica di preparare  la cena per diplomatici e ospiti d’onore. Il re è preso da notizie più preoccupanti: i guerrieri birmani saccheggiano le campagne e la guerra si profila inevitabile. Dopo essere stato costretto a condannare al taglio della testa una concubina che si era ribellata, il re decide di trasferire la famiglia in zona sicura. Anna si unisce, contro il volere di Mongkut. Si accende lo scontro, salta un ponte, i ribelli sono vinti. Rientrati a palazzo, Anna informa il re sulla decisione di tornare in patria. Lui le chiede un ballo finale.

Giovanna D’Arco.

 Giovanna d’Arco nasce nel 1412 nel villaggio di Domrémy in Francia, figlia  di una modesta famiglia di contadini. Avendo negli occhi il ricordo della morte violenta della madre e della sorella, Giovanna, a 17 anni, riesce a farsi ricevere da Carlo VIII, erede al trono di Francia. Ottenuta la guida dell’esercito, Giovanna ingaggia scontri cruenti, nell’ultimo dei quali ottiene la vittoria sugli inglesi ad Orléans. L’anno successivo, dopo che Carlo VIII, fattosi incoronare nella cattedrale di Reims, dimostra di voler seguire non più le vie della guerra ma quelle diplomatiche, Giovanna viene fatta prigioniera e venduta ai nemici inglesi. Ha solo 19 anni, quando viene accusata di stregoneria, processata, indotta a confessare e poi, di fronte alla ritrattazione, bruciata viva sul rogo. Venticinque anni dopo viene dichiarata innocente. Nel 1920 è stata proclamata Santa da Papa Benedetto XV.

Come eravamo.

Un film del 1973 con due giovani attori  Barbra Streisand e Robert Redford.La vicenda del film si svolge al tempo dell’ultima presidenza di Roosvelt. Katie, una giovane propagandista, convinta delle sue idee politiche, all’inizio del film in favore del comunismo e alla fine contro la bomba atomica; Hubbel, un giovane americano, benestante, che si è arruolato in marina ed è uno scrittore promettente, sicuro del successo. I due giovani, che si sono innamorati, convivono insieme, hanno una bambina e poi… si separano, avendo riconosciuto la loro incompatibilità psicologica.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Bonnie Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Abito a Roma ma sono una gallina padovana.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *