Stasera su ABC, canale americano, andrà in onda per ben due ore la puntata PREMIERE di Grey’s Anatomy 14.

Per le  puntate inedite in italiano, in programmazione su Fox Life, dovremmo attendere ancora qualche settimana… il 16 ottobre si riprende in mano il telecomando e ssshhh, silenzio! Tutti i fan della serie saranno davanti al televisore.

Confermate le presenze degli attori presenti nella tredicesima stagione, ma con due new entry di rilievo: Megan, la fidanzata di Nathan nonchè sorella di Owen, che sarà interpretata da Abigail Spencer (l’attrice “iniziale” doveva essere Bridget Regan, ma Shonda a quanto pare ha deciso così!).

Al Grey Sloan Memorial Hospital arriverà anche Carina DeLuca, sorella dello specializzando (italiano) Andrew. L’attrice scelta è un’altra attrice italiana, di Catania (alta la bandiera ci vien da dire!) e porta il nome di Stefania Spampinato. Voci di corridoio dicono che scombussolerà la vita del fratello… non ci resta che vedere come!

Un ritorno atteso dai fans è quello di Kim Raver, che per diversi episodi ha interpretato la Dott.ssa Altman. Il suo sarà una specie di cameo… vi possiamo dire con certezza che non tornerà per l’intera stagione…

Ma veniamo a noi, noi che a Meredith ci teniamo tanto: cosa succederà ora che è tornata Megan? Proprio ora che stava quasi per riappropriarsi della sua felicità dopo la morte di Derek (che infondo diciamocelo, Derek per noi Greysiani non morirà mai!)? NO! Niente spoiler… godiamoci lo spettacolo, almeno per le prime due puntate della nuova stagione!

Il Seattle Grey Sloan Memorial Hospital è pronto a tornare nelle nostre case, attraverso episodi densi di sentimento, come infondo è sempre stato.

(P.S.: noi qualche spoilerata ce l’abbiamo già… volete qualche dettaglio in più?)

 

 

Erica Menegollo

Donna, fotografa e mamma di Ginevra 👑. Affamata di ricordi, Nikon e iPhone danno voce ai miei occhi.
Sono il 50% di Officina degli Scatti 📷
Se dovessi descrivermi con un aforismo, lo farei con questo:

Le radici sono importanti, nella vita di un uomo, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe sono fatte per andare altrove.
(Pino Cacucci)

Articoli consigliati