La scomparsa dei dinosauri di Michele Pipia

la scomparsa dei dinosauri

La scomparsa dei dinosauri di Michele Pipia, un romanzo giallo ma anche molto attuale

La scomparsa dei dinosauri è il romanzo d’esordio, edito da Graphofeel, di Michele Pipia: classe ’58, nato in provincia di Agrigento e laureato in Ingegneria.

“L’idea del romanzo è nata dal bisogno di raccontare la corruzione e la collusione con la mafia di una parte della politica siciliana nel periodo che va all’incirca dal 1965 al 2003. I dinosauri sono i politici che col loro potere elettorale e le loro clientele perpetuavano da più di una legislatura il loro posto all’assemblea regionale. Per la figura dell’assessore Tricinna mi sono ispirato ad un uomo politico siciliano che ha imperversato per anni e anni e che poi, finalmente, è stato arrestato e condannato.” (Michele Pipia)

Palermo, Assemblea Regionale siciliana: all’appello mancano sessantadue consiglieri della Giunta Regionale. L’ordine del giorno prevede l’approvazione della legge di bilancio, attesa e discussa da mesi, da cui dipendono i tanto preziosi finanziamenti per l’anno successivo. Dopo la notizia, le prime ricerche portano a un unico risultato: i consiglieri sono scomparsi nel nulla. Le indagini vengono affidate al capo della squadra mobile, Marco Simoncini, poliziotto toscano in attesa di un imminente trasferimento. Simoncini è dunque costretto ad addentrarsi nei difficili meandri della vita politica siciliana, di cui non conosce la complessità.
Tra case eleganti, mercati pittoreschi, commissariati oberati di lavoro e manifestanti esasperati, si dispiega un romanzo ironico e a tratti crudele, dall’epilogo sorprendente.

la scomparsa dei dinosauri

“La scomparsa dei dinosauri” è un misto tra giallo, attualità e un pizzico di comicità. La trama scorre fluida tra il corso delle indagini, qualche flashback dei personaggi e tanta suspense!

I protagonisti sono principalmente tre, l’onorevole Antonio Tricinna, sua moglie Antonietta e il commissario Marco Simoncini che è a capo dell’indagine. La moglie dell’onorevole Tricinna è quel personaggio che fa da collante tra il commissario e suo marito. Ci aiuta a capire la storia dell’onorevole senza scrupoli oltre alla sua come moglie di un politico, legandosi di conseguenza all’indagine portata avanti da Simoncini.

Gli indizi a disposizione sono davvero pochi e il commissario si barcamena tra una testimonianza e l’altra pur di trovare una pista sensata da seguire. Ma che fine avranno fatto sessantadue consiglieri scomparsi tutti insieme contemporaneamente? Tra ipotesi di sonnambulismo e rapimento di gruppo, Michele Pipia ci porterà alla conclusione tra sorrisi (a volte amari) e presa di coscienza sulla corruzione nel mondo politico italiano.

Buona lettura!

 

Se hai letto questo articolo potrebbe interessarti anche: La casa delle voci di Donato Carrisi

Francesca Cirianni

Nata a Torino ma trasferita a Bologna. Amo viaggiare e amo farlo soprattutto con i libri. Cerco di documentare le mie passioni con la fotografia e tra queste c'è un buon cibo e un buon bicchiere di vino. Certo, poi ci sono anche loro, le mie figlie, le preferite della mia macchina fotografica.

Articoli consigliati