Luisa Spagnoli e la storia del Bacio Perugina

Luisa Spagnoli, nata nel 1877 a Perugia.

luisa spagnoli
Foto dal web

Insieme al marito rileva una piccola drogheria dove inizia a produrre confetti.

Nel 1907 i coniugi Spagnoli fondano insieme a Francesco Buitoni, la leggendaria Perugina”.

Negli anni Venti, Luisa entra ufficialmente nel consiglio di amministrazione di Perugina, che è tra le aziende più innovative e all’avanguardia in Italia del tempo. Luisa Spagnoli si dedica alla realizzazione di strutture sociali all’interno dell’azienda, per migliorare la qualità della vita dei dipendenti; introduce ad esempio la nursery e il diritto all’allattamento per le donne della fabbrica. È sua l’invenzione del famoso cioccolatino “Bacio Perugina”. Invenzione che diventerà, in seguito, Diventerà il simbolo dell’amore.

Luisa Spagnoli

Nel 1927 la Perugina ha già prodotto 5 milioni di Baci e dagli anni Sessanta, complice anche il boom economico, il Bacio diventa il dono tipico tra gli innamorati a San Valentino e un simbolo del Made in Italy.

Successivamente si dedica all’allevamento del pollame e dei conigli d’angora, ricavandone il pelo senza ucciderli né tosarli ma semplicemente pettinandoli: dà così vita allAngora Spagnoli focalizzandosi sulla creazione di scialli, boleri e indumenti alla moda.

Muore nel 1935, a causa di un tumore alla gola.

Dopo la sua morte, con il figlio Mario, l’azienda voluta da Luisa passa da attività artigianale a industriale.

Attualmente esistono negozi e outlet store che portano il suo nome, famosi in tutto il mondo.

Ti consiglio di leggere anche Coco Chanel: la storia della stilista parigina più famosa

Federica Donati

Classe '84, moglie di Andrea, mamma di Alessandro e Camilla. Da sempre nel mondo della moda, ma senza rinunciare mai alle mille scoperte che la vita ogni giorno ci riserva.
Segni particolari: positività.

Articoli consigliati