Olio di avocado contro olio d’oliva

Olio di avocado contro olio d’oliva, due degli oli più salutari in circolazione

Entrambi grassi derivati da alimenti integrali spremuti a freddo.

Alcuni degli oli più malsani in circolazione sono gli oli vegetali, soprattutto gli oli vegetali industriali nocivi com:e colza, soia, mais e girasole, che sono onnipresenti negli snack trasformati e nei condimenti per insalate.

D’altra parte, gli oli sani sono estremamente benefici. I grassi e gli oli di cibi integrali e altre fonti di alta qualità possono stabilizzare il nostro metabolismo, mantenere uniformi i livelli ormonali, nutrire la pelle, i capelli e le unghie e mantenere il corpo funzionante.

Non tutti gli oli e i grassi sono uguali. I grassi e gli oli trans idrogenati e altamente lavorati sono utilizzati negli alimenti confezionati preparati possono essere estremamente dannosi per il corpo causando infiammazione e stress ossidativo.

 

Cos’è l’olio di avocado?

Olio di avocado contro olio d'oliva

Fatto dal frutto di un avocado, questo olio viene spremuto a freddo. Gli avocado vengono raccolti, snocciolati e spellati, quindi schiacciati insieme. Successivamente l’olio viene separato dal resto del prodotto, spremuto a freddo e imbottigliato per il ritiro al mercato. L’olio di avocado è, ricco di acido oleico e antiossidanti. È eccellente per la salute del cervello e della pelle, oltre ad essere un antinfiammatorio.

Sebbene siano disponibili meno ricerche sui benefici per la salute dell’olio di avocado, la sua composizione di acido oleico e sostanze fitochimiche indica che l’olio di avocado può aiutare a sostenere la salute cardiovascolare.

Quando scegli un olio di avocado, opta per una varietà biologica e assicurati che sia non raffinato e spremuto a freddo. Inoltre, assicurarsi che l’olio di avocado sia di colore verde, poiché la colorazione gialla indica che l’olio è stato raffinato.

L’olio di avocado ha un punto di fumo di circa 520 gradi Fahrenheit, il che indica che è una scelta ideale per la cottura ad alta temperatura.

Cos’è l’olio d’oliva?

Olio di avocado contro olio d'oliva

L’olio d’oliva si ricava dalla spremitura a freddo delle olive. Le olive sono raccolte e schiacciate. L’olio viene quindi separato e quindi l’olio extra vergine di oliva di alta qualità passa attraverso un processo di spremitura a freddo. Conosciamo da sempre i suoi benefici per la salute.

L’olio d’oliva è composto principalmente da acido oleico, un grasso monoinsaturo che è collegato alla prevenzione del cancro e delle malattie cardiovascolari ed è un potente antinfiammatorio.

L’olio d’oliva contiene anche composti vegetali chiamati polifenoli che hanno dimostrato di fornire proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. La ricerca dimostra anche che possono avere benefici terapeutici che supportano la salute immunitaria, del cuore e del cervello e possono rallentare la crescita di alcuni tumori.

È un’opzione eccellente che è ricca di grassi monoinsaturi sani, è antinfiammatorio e può aiutare a ridurre il colesterolo cattivo.

 

Extravergine è una designazione che significa che l’olio non è raffinato.  Si deve optare per un olio d’oliva ad alto contenuto fenolico, che ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti più potenti. L’olio d’oliva ad alto contenuto fenolico può essere costoso, ma offre incredibili poteri antiossidanti.

L’olio d’oliva ha un punto di fumo di 325 gradi Fahrenheit. Può ancora essere usato per soffriggere e per arrostire e cuocere a fuoco più moderato. È anche ottimo crudo.

Differenze tra olio di avocado contro olio d’oliva

Una differenza fondamentale tra avocado e oli d’oliva è il profilo aromatico, che rende il loro uso ampiamente soggettivo e dipende dalle preferenze personali.

L’altra differenza fondamentale è il punto di fumo. Ogni olio da cucina, o grasso per quella materia, ha un punto di fumo. Un punto di fumo è esattamente quello che sembra: la temperatura alla quale un olio inizia a fumare in una padella. Quando un grasso è riscaldato oltre il punto di fumo, inizia a decomporsi e può rilasciare radicali liberi nel cibo. Il punto di fumo si riferisce al concetto che quando gli oli sono riscaldati si degradano e causano sottoprodotti potenzialmente pericolosi. Gli oli con punti di fumo più bassi, quindi, iniziano a scomporre più velocemente i loro componenti grassi, il che può compromettere l’integrità del tuo cibo e può anche lasciare il cibo con un sapore di bruciato. Pertanto, quando si cucina a fuoco vivo, è meglio trovare un olio con un punto di fumo più alto.

Quando usare quale?

Poiché sia ​​l’avocado che l’olio d’oliva sono entrambi eccellenti fonti di grassi sani, non puoi davvero sbagliare con nessuno dei due. Tuttavia, ci sono alcune differenze chiave su quando utilizzare quali per benefici per la salute ottimali. Quale scegli dipende dal profilo aromatico che stai cercando e dal tuo metodo di cottura.

Decidere tra olio d’oliva e olio di avocado è davvero una questione di preferenza. I due oli hanno profili di gusto diversi e potresti preferirne uno rispetto all’altro per diversi metodi di cottura.

Non importa quanto siano sani, gli oli dovrebbero essere usati con moderazione a causa del loro contenuto di grassi, puoi esagerare anche con i grassi sani.

 

Ti consiglio di leggere anche Come creare un’ottima lista della spesa in pochi minuti

Alessandra Bonadies

Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

Articoli consigliati