Home Create&Celebrate L’ombra di Peter Pan
L’ombra di Peter Pan

L’ombra di Peter Pan

0

Come realizzare l’ombra Peter Pan e Trilly

Mi divertono molto le feste a tema per i bambini. Mio figlio adora il film Disney  è stata una scelta scontata organizzare il carnevale trasformando casa nell’Isola che non c’è! Qui vi ho spiegato il dietro le quinte, ma ho trascurato qualche dettaglio, come quello dell’ombra.

Ho realizzato quasi tutto in casa, dalla merenda alle decorazioni. La fantasia è stata l’ingrediente fondamentale!

L’ombra di Peter Pan e quella di Trilly hanno avuto tanto successo, hanno divertito tutti. E molti mi hanno chiesto come le ho fatte.

Peter Pan

Vi svelerò un segreto: è stato molto più semplice di quel che sembra! 

Ecco come mi sono mossa!

Ho acquistato da Flying Tiger una confezione di lampadine led a forma di piccola candela.

Da Pinterest ho scaricato (e stampato) le silhouette dei due personaggi. La vera fatica è stata ritagliarle bene: non sono molto paziente e per questi lavori di precisione mi serve tanta tanta concentrazione!

L’ultimo passaggio, l’uso della colla pritt ruba una manciata di secondi. Ma attenzione a non esagerare, altrimenti si appiccica tutto. Ci vuole un poco di pazienza, ma il risultato è garantito.

Perché sono piaciute tanto queste ombre?

Perché ricordano la spensieratezza di Peter Pan, del ragazzino sbarazzino della Disney (Le avventure di Peter Pan, 1953) e del protagonista del romanzo di James Mattew Barrie (PeterPan, 1911): un fanciullo fatato, che ha il potere di volare e che

Spiace ammetterlo, ma la presunzione di Peter era una delle sue doti più affascinanti. Per dirla tutta, non esisteva un bambino più presuntuoso di Peter

Ed è questo carattere forte e vivace, sfrontato e spiritoso che ci fa amare Peter Pan incondizionatamente. Peter Pan, la sua ombra e il mondo fatato dell’Isola che non c’è!

Caterina Pascale Guidotti Magnani

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Caterina Pascale Guidotti Magnani Penso di essere uno storico dell'arte e sicuramente sono una mamma. Non ho filtri, perché dico tutto quello che mi viene in mente, ma lo faccio sempre con gentilezza. Credo che l'educazione e la cultura siano alla base della civiltà. Ho una grande passione per i foulard, una passione che è diventata collezione.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *