0

Ippoterapia

Ippoterapia
0

Ippoterapia, che cos’è

 Terapia medica, introdotta ufficialmente in Italia nel 1975 dalla dottoressa belga Danièle Nicolas Citterio.

 

Ippoterapia

 

Il cavallo è amico dell’uomo da quando l’uomo ha imparato ad addomesticarlo .

Ippoterapia

I primi studi sull’ippoterapia risalgono al 470-360 a.C., quando Ippocrate in una sua opera parlò di questa tecnica dai benefici formidabili contro alcune patologie psicofisiche.

Oggigiorno ci sono addirittura ospedali che hanno al loro interno intere aree adibite a questa terapia, dove è possibile trovare scuderie con cavalli che lavorano fianco a fianco dei medici e psicologi con tanta pazienza e con il loro stesso scopo: far star meglio chi ne ha bisogno.

È formidabile vedere come siano accorti con i bimbi affetti da patologie, come si prendano in qualche modo cura di loro, come si approccino a questi cuccioli indifesi; hanno una delicatezza infinita nell’avvicinare quel musone dolce alla mano di quei bimbi timidi ed intimoriti che dopo mesi di terapia cambiano in meglio il proprio atteggiamento nei confronti del mondo esterno.

Il cavallo è un essere vivo e stargli in sella ti fa sentire ancora più vivo; sentire i suoi muscoli ed arti che si muovo sotto il peso del tuo corpo, il suo respiro profondo, il fatto stesso di sentire quella strana sensazione di trasporto fisico e psicologico.

Gli psicologi ed i medici strutturano lezioni-gioco su misura per ogni paziente e si fanno esercizi dolci in groppa al cavallo che aiutano a rilassare mente e corpo.

La cosa più sorprendere è che la maggior parte del lavoro lo fa il cavallo solamente con la sua influenza positiva perché la sola sua presenza cambia le carte in tavola e rende tutto più bello e magico.

Ippoterapia
Testarossa ed io

 

Il cavallo non è solo ippoterapia ma è una terapia anche per chi apparentemente conduce una vita normale; addio allo stress, agli attacchi di panico, alle ansie, alle paure…il cavallo fa questo ed altro oltre che a trasmetterti un profondo senso di amore e rispetto!

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »