Perché porto i miei figli fuori dalla scuola per viaggiare

Viaggiare con i figli

Cerchiamo sempre di pianificare i viaggi con i figli durante la scuola e le vacanze estive, ma non sempre funziona così. E per la stragrande maggioranza delle persone, viaggiare solo durante le vacanze scolastiche è proibitivo dal punto di vista dei costi. Per non parlare delle folle. Così tanti genitori trascinano i loro figli da scuola per viaggiare.

Figli fuori dalla scuola per viaggiare, perché

 “Come psicologa clinica, genitore, ex insegnante ed ex consigliere scolastico, credo assolutamente che possano esserci benefici sostanziali nell’estrarre i bambini dalla scuola per viaggiare. Poiché i viaggi sono più convenienti – e quindi più accessibili – per le famiglie mentre la scuola è in sessione, i genitori sono in grado di portare i bambini in luoghi che altrimenti non potrebbero permettersi. Inoltre, la qualità del viaggio durante i periodi meno colpiti può rendere l’esperienza molto più rilassante e potente sia per i genitori che per i bambini. E, quando le famiglie sono rilassate, l’esperienza di viaggio complessiva può essere molto più positiva. ” Carla Marie Manly, PhD, psicologa clinica

 

Figli fuori dalla scuola per viaggiare, perché gli esperti pensano che la scuola mancata per viaggiare non sia una cosa negativa.

La scuola può essere stressante

“Gli ambienti di apprendimento di oggi sono intensi! Ci si aspetta che i bambini producano molto lavoro molto rapidamente e ci siano pochi tempi morti. I giorni di due nicchie sono ormai lontani. E con ciò c’è stato un aumento di stress, problemi di salute mentale e problemi di connessione sociale “. Roseann Capanna-Hodge, psicologa e psicologa pediatrica

E nota che non sono solo i bambini a essere stressati, ma anche i genitori.

“Mentre gli insegnanti e i presidi potrebbero non pensare che i viaggi in famiglia debbano avere la priorità sull’istruzione, un viaggio potrebbe essere proprio ciò di cui una famiglia ha bisogno per destabilizzarsi”.

Dà il tempo di ricaricare e connettersi

Conduciamo una vita così indaffarata che bambini e genitori hanno bisogno di tempo per ricaricarsi e connettersi l’un l’altro e una vacanza potrebbe essere l’unica volta per farlo.

“Indipendentemente dalla fase di sviluppo in cui si trovano, i viaggi in famiglia aiutano i bambini a sentirsi connessi attraverso l’esperienza familiare condivisa. Dà alle famiglie l’amore condiviso per qualcosa che non solo fanno insieme, ma possono pianificare e parlare ”. Roseann Capanna-Hodge, psicologa e psicologa pediatrica

Non tutto l’apprendimento avviene in classe

“I bambini scrivono e siedono molto. Non c’è praticamente tempo per il gioco libero creativo, il che significa che pensare fuori dalle righe non è più apprezzato.Le vacanze offrono tempo per l’esplorazione e il nuovo apprendimento.” Dott.ssaRoseann Capanna-Hodge, psicologa e psicologa pediatrica

Inoltre, andare in viaggio insegna ai bambini preziose capacità di vita.

“Viaggiare insegna ai bambini di essere psicologicamente flessibili, poiché viaggiare spesso richiede pazienza e creatività. Viaggiare disavventure come treni mancati, barriere linguistiche e bagagli smarriti può essere un momento utile per i bambini ”, Emmy Crouter, LSW, psicoterapeuta che pratica a Denver, in Colorado

“Spesso viaggiare può aumentare l’empatia di un bambino per gli altri e la tolleranza per la differenza, qualità che sono abilità che non si imparano sempre in classe”.

Può aiutare i bambini che lottano a scuola

“Penso che se un bambino lotta a livello accademico, è una ragione in più per esporli a viaggiare”. Dott.ssa Nicole Avena, professore associato di Neuroscienze, Facoltà di medicina del Monte Sinai, professore ospite di psicologia della salute, Università di Princeton.

“Penso che dal punto di vista della salute mentale sia una buona idea dare ai bambini che lottano accademicamente una pausa dall’attenzione per gli accademici. Gli accademici sono importanti, ma essere emotivamente intelligenti è una migliore previsione del successo nella vita. Conoscere nuovi luoghi e persone aiuta con empatia. “

Inoltre, ogni bambino impara in modo diverso e quindi ha bisogno di diverse opportunità di apprendimento per brillare.

“La scuola può essere ancora più dura e stressante per un bambino con difficoltà di apprendimento, attenzioni, comportamentali o sociali. Questi bambini devono lavorare il doppio rispetto ai bambini senza le stesse sfide. Proprio come quando lavoriamo sodo, i bambini bramano le pause “. Dott.ssa Capanna-Hodge

“Sedersi in classe durante la lettura o l’apprendimento non è il modo migliore per stimolare i nostri straordinari studenti. Toccando, sentendo e vivendo è il modo migliore in cui gli studenti di cinestesia prendono le informazioni ed è questo il viaggio. Attraverso esperienze di viaggio, i bambini con difficoltà di apprendimento possono acquisire conoscenze e abilità più profonde in un modo che potrebbero non essere stati in grado di fare all’interno di una classe, il che crea fiducia e autostima. ” Dott.ssa Capanna-Hodge

figli fuori dalla scuola
Inoltre, apprendere “facendo” è uno dei modi migliori in cui l’educazione affonda.

“Neurobiologicamente, ciò che sperimentiamo di persona – i panorami, gli odori, i suoni e le interazioni – può essere molto più memorabile di quello che si impara in una dimensione (come attraverso un libro di testo). Ad esempio, se i bambini imparano a conoscere la Francia durante una lezione di geografia, l’apprendimento è spesso una combinazione di lettura di libri di testo, scrittura e ascolto dell’insegnante. Tuttavia, un viaggio in Francia può dare vita alla geografia, alla storia e alla cultura agli occhi del bambino “. Dott. Manly

Può essere particolarmente utile per i bambini con ADHD

Con l’aumento dei bambini con diagnosi di ADHD, i viaggi potrebbero essere il giusto tipo di apprendimento per loro.

“I bambini che hanno difficoltà ad apprendere o hanno condizioni come l’ADHD spesso prosperano in contesti che consentono esperienze diverse che aumentano la capacità di attenzione e l’assorbimento dell’ambiente educativo. E, quando un bambino non si sente etichettato come uno che infrange le regole o disattento, è in grado di godersi le esperienze di apprendimento senza i giudizi degli altri e le aspettative negative. E tali esperienze hanno spesso un forte effetto sul livello di autostima del bambino. ” Dott. Manly

È una gita – solo più a lungo

Ripensa ai tuoi anni scolastici. Spesso, potremmo non ricordare gli studi quotidiani, ma ricordiamo le gite sul campo – quelle di esperienze fuori dall’ordinario che erano divertenti oltre che educative.

“I genitori che allontanano i bambini dalla scuola per viaggiare non stanno necessariamente derubando un figlio dell’istruzione perché anche queste escursioni sono opportunità di apprendimento. Una semplice vacanza al mare può essere una straordinaria opportunità per parlare di conservazione, ecologia, vita marina e gli effetti del riscaldamento globale. Quando i genitori usano l’ambiente di viaggio come piattaforma naturale per l’educazione, le opportunità di apprendimento possono superare di gran lunga quelle che sono presenti nei confini di una classe. Ecco perché facciamo gite scolastiche con bambini “. Dot. Manly

Può arricchire la vita di altri studenti

“Queste assenze possono essere gestite con successo quando i genitori collaborano con gli insegnanti e quando le conversazioni sono gestite in un modo in cui nessuna cosa – l’aula o il viaggio – è vista come migliore o peggiore dell’altra. Quando le persone hanno queste conversazioni in modo da minimizzare o eliminare l’arroganza, allora possono emergere idee su come lo studente viaggiante possa riportare idee e intuizioni dall’esperienza che arricchisce la vita degli studenti che non hanno fatto lo stesso viaggio.” Deborah J. Cohan, professore associato di sociologia all’Università della Carolina del Sud Beaufort

Preparati al giudizio degli altri

“Sei l’amministratore delegato della tua famiglia e alla fine spetta a te decidere cosa è meglio per i tuoi figli. Quando genitori o insegnanti non sono d’accordo con te, non devi spiegare o difendere la tua decisione se sei nei limiti della politica sulle assenze scolastiche. D’altra parte, se senti di voler condividere il motivo per cui ritieni che il viaggio sia educativo, antistress e benefico, provaci. ”Dott.ssa Capanna-Hodge

Se porti i tuoi figli fuori dalla scuola per il viaggio, preparati a essere giudicato, specialmente dagli altri genitori.

 

Alessandra Bonadies

Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Sono Digital Content Creator e Blogger dal 2000.

Articoli consigliati