Home Beauty & Makeup Ricostruzione unghie in gravidanza: sì o no?
Ricostruzione unghie in gravidanza: sì o no?

Ricostruzione unghie in gravidanza: sì o no?

0

E’ possibile fare la ricostruzione unghie in gravidanza?

La mia risposta è: SI ma con le dovute cautele.

Bisogna chiarire che i prodotti utilizzati per la ricostruzione unghie non sono cancerogeni e non sono nocivi, nè per la mamma nè per il futuro bambino.

La ricostruzione unghie in la gravidanza è una pratica che si può fare senza correre rischi per la salute del bambino.

Vengono infatti utilizzati prodotti che induriscono nel giro di 2-3 minuti, rendendo praticamente nullo l’assorbimento da parte dell’organismo di sostanze nocive.

Naturalmente il trattamento di ricostruzione unghie in gravidanza deve essere effettuato circa una volta ogni due mesi.

Per evitare che si creino problemi di alcun tipo per il bebè, evitate di restare tanto tempo in contatto con i fumi e i solventi rilasciati.

Questo generalmente è un rischio che si corre solo se si lavora come onicotecnica in un salone di bellezza, dove il contatto con queste sostanze avviene quotidianamente per più volte al giorno.

Un altro accorgimento molto importante è quello di stare attente ai materiali utilizzati per la ricostruzione delle unghie.

Devono essere materiali di prima qualità, forniti da venditori specializzati del settore e soprattutto che non contengono sostanze come l’ethyl metacrylate, una componente in parte nociva che, per fortuna, sta sparendo del tutto negli ultimi tempi.

Inoltre i vari materiali utilizzati possono produrre odori che per le donne in stato interessante potrebbero risultare nauseanti.

Quindi sarebbe sempre meglio per la Tecnica della Ricostruzione Unghie in gravidanza seguire determinate regole igienico sanitarie come:

  • usare sempre mascherine e guanti,
  • seguire norme igieniche e di sterilità del posto di lavoro e degli attrezzi utilizzati
ricostruzione unghie in gravidanza
(foto da web)

Il mio consiglio è quello di togliere la ricostruzione unghie intorno al settimo mese di gravidanza  poiché potrebbe dare fastidio ad un apparecchio utilizzato nelle operazioni chirurgiche detto “LENS” che legge le palpitazioni del cuore soprattutto per chi deve fare un parto cesareo.

Ma anche per chi non devo farlo in quanto con le unghie naturali è più facile individuare eventuali cambiamenti di colore delle unghie che indicano carenze di calcio o di altre vitamine importanti.

ricostruzione unghie in gravidanza
(foto da web)

La ricostruzione delle unghie in gel o in acrilico è una pratica, che può quindi essere fatta tranquillamente in gravidanza, con i dovuti accorgimenti.

Accorgimenti affinché non insorgano problematiche, rivolgendosi comunque al proprio medico e/o ginecologo per un’eventuale consulenza.

Serena V.

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *