Home Lifestyle I SELFIE
I SELFIE

I SELFIE

0

 

SELFIE: consigli sull’uso

selfie

 

Sono andata predicando il mio rifiuto categorico per i selfie, ma alla fine, sono cascata nella “rete” pure io ahimè!

Chi non ne ha fatto almeno uno nella vita?… Suvvia, non barate, ammettetelo pure voi!

Qualcuno confonde il selfie con l’AUTOSCATTO, ma sappiate che stiamo parlando di due cose ben distinte.

In ambito fotografico, l’autoscatto non è altro che un meccanismo che introduce un ritardo temporale (fissato o programmabile) fra il comando di scatto da parte del fotografo e l’apertura effettiva dell’otturatore.

Un tempo, quando non avevamo nessuno a portata di mano che poteva aiutarci nell’impresa di scattarci una foto ricordo, che facevamo?

  • Si trovava un valido appoggio per la macchina fotografica
  • Si impostava l’AUTOSCATTO (per l’appunto) e si premeva il fatidico tasto di scatto
  • Si correva come pazzi “in posizione” (alla Rocky Balboa sulla famosissima scalinata di Philadelphia)
  • Si sorrideva sfiniti ma felici di avercela fatta

Il selfie invece è l’esatto opposto: niente corse, niente fiatone… solo faccia impostata e click! Rigorosamente scattato con il proprio smartphone, con la fotocamera anteriore.

Ma questo ormai, lo conoscete bene… attenzione a quello che scriverò ora invece!

Negli Stati Uniti è nato l’Anti-Selfie Movement e una star del cinema come Kirsten Dunst ha prestato il suo volto a un cortometraggio che mette in evidenza i limiti dell’ossessione per una vita connessa e sempre in mostra. «È tempo di essere Unselfie». Chi l’avrebbe mai detto?

Eppure, l’apparire eccessivo, a volte si trasforma in “malattia”.

Anche in Italia qualche mese fa è partita la campagna #setiselfieticancello, mentre il governo filippino li vuole addirittura proibire. La capitale finanziaria del paese Makati City, è secondo il Time la città al mondo dove si fanno più selfie pro capite. Effettivamente la mania per l’autoscatto che ha contagiato giovani e meno giovani, gente comune, politici e vip, inizia a perseguitarci.

Solo in Italia, dice una ricerca Samsung, si scattano 28 milioni di selfie al giorno; mentre secondo il Pew Research center americano più della metà dei ragazzi tra i 15 e i 35 anni ha condiviso un selfie. Per il sito selfiecity.net (che monitora 5 città mondiali) sono autoscatti il 4% delle immagini su Instagram.

Ma concludo dicendo che… un selfie ogni tanto non nuoce a nessuno. Ricordo ancora con stupore (e immensa simpatia) quando in rete è circolato quello di Papa Francesco. Mitico!

 

 

Ho fatto delle foto. Ho fotografato invece di parlare. Ho fotografato per non dimenticare. Per non smettere di guardare.
Daniel Pennac

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *