Lo spritz in realtà nasce come una semplice combinazione di acqua frizzante e vino.

La leggenda narra che, durante la guerra, i soldati austriaci allungassero il vino veneto, troppo alcolico per loro, con della semplice acqua gassata (o seltz).

Spritz
Spritz Campari

Di origine veneta, questa bevanda tra gli anni ’20 e ’30 divenne un cocktail quando nelle zone tra Padova e Venezia iniziarono ad aggiungere Aperol o Select alla miscela base.

Negli anni ’70 divenne un vero e proprio cavallo di battaglia dell’Aperol e venne successivamente riconosciuto ufficialmente come cocktail denominato “spritz veneziano“.

Ingredienti:

  • 1/3 di prosecco,
  • 1/3 di Aperol
  • 1/3 di selz o acqua gassata
  • una fetta di arancia
  • tanto ghiaccio

Semplice e veloce, può essere fatto tranquillamente in casa. Esistono però molte altre varianti, oltre al Select provate anche lo spritz con il Campari, il Cynar o persino il Gin.

Il mio spritz preferito? Al Campari.

Devo ammettere che non di rado mi godo anche un classico spritz bianco fatto con un buon metodo classico Ferrari, selz e fetta di limone.

E il vostro? Fatemelo sapere!

Con cosa accompagnare

Preparate gli involtini che mi ha suggerito la mia fata tuttofare: mettete del caprino nella fette di bresaola, pepate ed arrotolatele, chiudetele con dell’erba cipollina. Oltre ad essere buonissimi sono anche comodi perché possono essere preparati qualche ora prima di servirli e lasciati in frigo pronti per l’uso.

 

Articoli consigliati