Home Lifestyle Il terremoto insegna che anche gli animali contano
Il terremoto insegna che anche gli animali contano

Il terremoto insegna che anche gli animali contano

0

IMG_3340Il terremoto insegna che anche gli animali contano e mai nel passato è accaduto, in seguito ai drammatici avvenimenti che hanno colpito il centro Italia, di avere i riflettori accesi sui cani da macerie che salvano e gli animali salvati.

IMG_3323Il lavoro instancabile dei soccorritori è avvenuto spesso in squadra con i cani. Possono fiutare una persona fino a 4/5 metri sotto il terreno e arrivano in posti dove i soccorritori metterebbero a repentaglio le loro vite. Grazie alle unità cinofile sono state salvate tante vite umane e tanti animali, ricongiungendoli ai loro proprietari, come nel caso del sorriso di un bambino traumatizzato perché in quelle macerie aveva perso tutta la sua famiglia e quel cagnolino ritrovato era l’unico affetto rimasto. E ancora il ricongiungimento del cane appena estratto dai resti dell’abitazione al suo proprietario ferito; la gratitudine di una terremotata  nel riabbracciare la sua gattina. L’ultimo eclatante episodio è il ritrovamento da parte dei vigili del fuoco, di un Golden a 9 giorni dalla tragedia che ha potuto ricongiungersi al suo proprietario. Se ne contano altri di episodi così, come salvataggi di tanti  altri animali, mucche, asini, galline, pulcini, conigli, pecore, vittime anche loro del terremoto.

IMG_3334IMG_3331Altri animali sopravvissuti al sisma, compaiono sulle macerie dove fino a pochi giorni fa, sorgevano le loro case. Sono soprattutto gatti, traumatizzati, stremati dalla fame e dalla sete, si lasciano soccorrere dalle varie associazioni animaliste attive nel territorio. Alcuni vengono ospitati nelle tende, perché gli animali danno conforto e consolano, danno distrazione e serenità, uniscono le emozioni: figure positive in una montagna di dolore.

IMG_3324

 

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Carla Zanutto Mi occupo di fitness. Sono mamma e nonna. Ho tre Labrador e un'adorabile meticcia. Da 6 anni faccio parte del Pengo Life Peoject, un progetto italiano per la tutela e la salvaguardia dell'Elefante Africano in Kenya. Nel tempo libero mi trovi incollata tra le pagine di un libro.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *