Home Culture ALONE, il nuovo disco di GIANNI MAROCCOLO
ALONE, il nuovo disco  di GIANNI MAROCCOLO

ALONE, il nuovo disco di GIANNI MAROCCOLO

0

Il 17 dicembre è uscito  Alone vol.1, primo capitolo del nuovo progetto solistico di Gianni Maroccolo.

Gianni Maroccolo è un  musicista, compositore e produttore che ha cambiato la scena musicale italiana fondando: i Litfiba negli anni ’80 e i CSI nel decennio successivo.

Proseguendo poi con innumerevoli produzioni e collaborazioni artistiche, in cui la sua musica ha spesso dialogato con il cinema, il teatro, l’arte contemporanea e la scienza.

Alone, quasi 50 minuti in sei tracce,  è un “disco perpetuo” come lo definisce lo stesso Marok.

Non un album isolato ma un percorso sonoro unico e senza fine, articolato in molteplici tappe con cadenza semestrale: il 17 dicembre e il 17 giugno di ogni anno verrà pubblicato un nuovo episodio di un’avventura.

Insieme alle creazioni musicali di Gianni ci saranno anche le splendide illustrazioni dell’artista visivo Marco Cazzato e i racconti visionari e immaginifici dello scrittore e critico musicale Mirco Salvadori.

E, come in tutti i viaggi, in cui sempre si incontra qualcuno, Maroccolo incrocerà lungo la traiettoria altri compagni d’avventura.

A partire da questa prima tappa con Jacopo Incani, meglio noto come IOSONOUNCANE, e Stefano Rampoldi, in arte Edda.

Insieme a IOSONOUNCANE l’autore toscano ha composto, suonato e manipolato una tribalissima suite, cosmica e sonica come Tundra.

Con Edda  ha realizzato, invece, il brano di ispirazione induista Altrove, un mantra di buon auspicio, psichedelico e spirituale.

Ma Alone, che si apre con Cuspide, ospita anche la tromba mariachi di Enrico Farnedi e la voce profonda di Luca Swanz Andriolo; entrambi presenti in Sincaro, la seconda degli unici due brani cantati.

Su tutto, c’è il ricordo di Claudio Rocchi, fra i protagonisti assoluti del rock progressivo italiano degli anni ’70,  scomparso nel 2013 e legato a Maroccolo per il progetto VdB23/Nulla è andato perso.

Il disco (non) si chiude con Alone to be continued, epilogo che è già introduzione al volume successivo.

 

Una placida malinconia cosmica che, oggi che riceviamo immagini panoramiche e ad altissima definizione di Marte, più contemporanea di così non potrebbe essere.

 

Un lavoro trascendente, una riflessione sulla bellezza dell’universo e sulla sua lingua primaria: la musica.

In sintesi: l’essenza estetica e concettuale di Gianni Maroccolo.

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Alessandra Bonadies Mi chiamano Bonnie e sogno una vita da Pinterest. Abito a Roma ma sono una gallina padovana.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *