Bullet Journal: gli accessori che non possono mancare

bullet journal gli accessori

Bullet Journal: gli accessori che non possono mancare

Il Bullet Journal, inventato dal grafico di New York Ryder Carroll, si basa su un notebook con pagine bianche (o a righe o a puntini) che possono essere personalizzate. E’ una sorta di agenda che, in base alle proprie esigenze, può essere adattato per trascrivere appuntamenti, liste e programmi.

Per iniziare a creare il proprio bullet journal non serve molto: creatività e solo pochi accessori; ma quali sono proprio quelli che non possono mancare?

Quaderno

Il Bullet Journal parte da un quaderno o un diario puntinato, rilegato o con le spirali, con copertina flessibile o rigida.

Penne

bullet journal gli accessori

 

Le penne colorate non possono mancare per aggiungere un tocco di colore. Penne a punta fine o pennarelli per decorare al meglio e in maniera creativa.

Adesivi

Gli adesivi sono necessari per decorare il quaderno, ce ne sono di tantissimi tipi e moltissimi colori.

WashiTape

 

Ha la capacità di aggiungere un tocco colorato e un design al tuo diario. E il nastro washi è disponibile in una varietà infinita di colori, trame, motivi e dimensioni, quindi ce n’è davvero per tutti i gusti.

Bullet Journal gli accessori che non possono mancare: il righello

Semplice ma indispensabile, il righello è quello che ci vuole per tracciare righe dritte. Si può riporre nella tasca posteriore che alcuni bullet journal hanno, oppure esistono delle versioni che fungono anche da segnapagina.

Stencil

Gli stencil sono utili per poter disegnare piccole decorazioni, fumetti e ghirigori in maniera precisa e perfetta, soprattutto per chi non è bravo a disegnare a mano libera.

Timbri

Anche dei timbrini sono disponibili molte versioni: da quelli con i numeri per disegnare un calendario, a quelli con fiori, foglie ed animali, davvero per tutti i gusti!

Per iniziare al meglio esistono anche dei piccoli kit per il bullet journal, tutto l’indispensabile per approcciarsi a questo mondo.

Sara

Ti consiglio di leggere anche: Travel Journal: cos’è e perché realizzarlo

Sara Somma

Sara, classe 1994, vivo in provincia di Salerno. Studio Economia & Management ma con una grande passione per la pasticceria.

Articoli consigliati