Arte, storia, cultura: Castel Beseno

Castel Beseno: una meraviglia del Trentino

Castel Beseno, teatro di numerose e importanti battaglie, nonché più grande struttura fortificata del Trentino, che si trova su di un alto colle tra le città di Rovereto e Trento, nel comune di Besenello.

Castel Beseno

 

Per raggiungere il castello ci si incammina a piedi verso una strada in salita (faticosa, ma fattibile anche per i bambini). Il percorso è fatto di ciottolato, esattamente come un tempo. Una volta arrivati in cima la vista è spettacolare, come per qualsiasi castello che sia definito tale.

Nel 1973 i conti Trapp, proprietari dal 1470, donarono il castello alla Provincia autonoma di Trento, che ne curò il restauro.

All’ingresso del Castello troverete la biglietteria sprovvista però di audioguide. All’interno di una delle stanze, un video interattivo  racconta la storia della fortezza in un tempo di dieci minuti circa.

La struttura si sviluppa per 250 mt di lunghezza e 50 di larghezza, oltre a mantenere vivo il ricordo del passato con un ampio campo dove si svolgevano i tornei.

Castel Beseno

Curatissimo anche negli esterni, permette ai bambini di cimentarsi con gli attrezzi con i quali si “allenavano” i cavalieri di un tempo, dando la possibilità non solo di giocare ma anche di imparare.

Sempre per i più piccoli (ma non solo), anche la possibilità di indossare le armature dei più valorosi combattenti (vi assicuro pesantissime accidenti!).

Castel Beseno

Accedendo al camminamento di ronda dalla porta scura, si può godere della meravigliosa vista sulla valle dell’Adige ad ovest, e ad est gli scorci degli altipiani cimbri, porta d’accesso al Vicentino. Attraversando la Piazza Grande su cui si affaccia il Palazzo Comitale, l’elegante residenza della famiglia Trapp.

All’interno del Castello è presente un bar con un patio esterno dove fermarsi per una sosta.

Castel Beseno ogni anno ospita eventi, manifestazioni, spettacoli e rievocazioni storiche imperdibili (Covid permettendo).

Ad oggi  non è possibile visitarlo a causa delle restrizioni Covid, ma non appena saranno autorizzati gli spostamenti, fate un giro, ve lo consiglio!

Ti consiglio di leggere anche Cammini con i bambini

 

 

Erica M.

Erica Menegollo

Donna, fotografa e mamma di Ginevra 👑. Affamata di ricordi, Nikon e iPhone danno voce ai miei occhi.
Sono il 50% di Officina degli Scatti 📷
Se dovessi descrivermi con un aforismo, lo farei con questo:

Le radici sono importanti, nella vita di un uomo, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe sono fatte per andare altrove.
(Pino Cacucci)

Articoli consigliati