Home Health & Wellness Kettelbell Training: esecuzione del clean e dello snatch
Kettelbell Training: esecuzione del clean e dello snatch

Kettelbell Training: esecuzione del clean e dello snatch

0

Kettelbell Training

Kettelbell Training seconda parte con il clean e lo snatch.

Dopo aver visto lo swing, esercizio base con il Kettelbell o con la “girya” (pronuncia ghiri), parola russa che significa peso, vediamo ora altri due esercizi balistici: il clean e lo snathc .

Il clean è un movimento che ci permette di portare il kettelbell in rack position, ossia in posizione tale da chiudere il triangolo braccio – avambraccio dove quest’ultimo sul gomito, si posiziona sopra la cresta iliaca, così da consentire sia una massima stabilità di carico che un momento di recupero dopo lo sforzo.

L’esecuzione vedrà una fase di caricamento dove il kettelbell viene portato all’indietro, come nello swing, con il braccio intrarotato, pollice all’indietro, ed il braccio opposto che accompagna il movimento.

Nella fase di propulsione si estendono velocemente le anche; il kettelbell salirà all’altezza del petto da dove senza allontanare il braccio dal corpo, verrà tirato verso la spalla.

I muscoli coinvolti nel clean sono, come nello swing, gli stabilizzatori (addominali e lombari) la catena estensoria dell’anca, nonché i muscoli di trazione: grandorsale, trapezio, parascapolari, bicipiti e dell’avambraccio.

Per quanto riguarda lo snatch, esercizio spettacolare e da competizione per antonomasia; il Kettelbell si troverà sopra la testa, a braccio teso, in lock out position.

L’esecuzione è la stessa dello swing, eccezione fatta che nella fase di estensione dove si dovrà sviluppare più accelerazione così che il Kettelbell possa arrivare sopra la testa.

Nello specifico: flettere le anche indietro, il Kettelbell verrà portato all’indietro verso i talloni, il braccio opposto accompagnerà il movimento di caricamento; estendere le anche velocemente, contraendo i glutei ed attivando i muscoli del “core”, addominali, per stabilizzare il tronco.

Spinto dal l’accelerazione il k ettelbell continua a salire verso l’alto dove, nella parte finale, il braccio sarà disteso. In questo esercizio non sono ammesse esecuzioni approssimative, pena infortuni a spalle, gomiti e fascia lombare.

Carla Zanutto

Ti è piaciuto? condividilo!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • LinkedIn
Carla Zanutto Mi occupo di fitness. Sono mamma e nonna. Ho tre Labrador e un'adorabile meticcia. Da 6 anni faccio parte del Pengo Life Peoject, un progetto italiano per la tutela e la salvaguardia dell'Elefante Africano in Kenya. Nel tempo libero mi trovi incollata tra le pagine di un libro.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *